giovedì 21 novembre 2013

Intercettazioni, again

Datagate, Enrico Letta ha detto: «Ad oggi, in base alle analisi della nostra intelligence, non risultano compromissioni della sicurezza delle comunicazioni né dei vertici di governo né delle ambasciate, né risulta che la privacy dei cittadini italiani sia stata violata».

Ah, sì?
Considerando che la suddetta "intelligence" è la stessa che alla fine di ottobre ha dichiarato di non avere evidenze (cioè non ne sapevano niente) delle intercettazioni USA, scusa Enrico, ma la reazione di molti Italiani, me compresa, alle tue parole è la seguente:








Che ti credi, Enrico? Che siamo tutti scemi?

8 commenti:

  1. Che ha detto Lettagate? Che non ci spiano? Uah uah uah uah uah!

    RispondiElimina
  2. Stiamo parlando della famosa "intelligence" italiana, quella che quando l'Europa ha proposto di mettere in piedi un controspionaggio nei confronti dei merrricani è stata cassata perché troppo disorganizzata e inetta. Dove lo trovo il coso che ride che hai messo nel post?

    RispondiElimina
  3. Che ti credi, Enrico? Che siamo tutti scemi?
    hmmm... io un sospetto lo avrei anche.

    E che la nostra si chiami 'Intelligence', bah.

    Comunque, credo abbiano ragione: perchè dovrebbero spiare i dati sensibili, quando possono leggere sui giornali le intercettazioni già cotte e mengiate?

    RispondiElimina
  4. Quelli della nostra, puah, intelligence non saprebbero trovare il loro culo se non ci fosse qualcuno a prenderlo a calci. Non si renderebbero conto di essere spiati nemmeno se si trovassero lì un tizio stile "man in black" che dicesse loro con pesante accento americano: "Salve, sono della NSA, e sono qui per spiarvi." Che ridere quando si parla di, aripuah, intelligence italiana...

    RispondiElimina
  5. Uhmnm... ne ha di strada da fare per arrivare al livello del Berlusca. Lui sì, che sapeva raccontare delle balle solide quando era al governo!
    Vecchio volpone!

    RispondiElimina
  6. ImpiegataSclerata21 novembre 2013 22:07

    Se intercettavano me morivano di noia però dalle conversazioni che mi sorbisco volente o nolente (soprattutto MOLTO nolente) magari si divertivano pure o si suicidavano.
    Quando vado e torno dall'ufficio col treno mi sembra di avere una cassa stereo piazzata per orecchio, in una mi sorbisco Beautiful e nell'altra Forum, il tutto con sottofondo stereofonico tuttointornoame(chec*lo) di musiche di tutti i tipi che trasbordano peggio di Blob il fluido che uccide dalle cuffiette degli altri restanti passeggeri.

    RispondiElimina
  7. @Tarxon: ma come, non ci credi?! Eretico!!!
    @Browning: ah, mica la sapevo questa dell'Europa; il coso è un'immagine animata, se vuoi salvarla sul tuo pc per poi usarla, clickaci sopra col tasto destro e poi scegli salva, se ne vuoi altri millemila cerca su google animated smiley, se vuoi un pupazzetto meccanico che ride non credo esista in commercio
    @Locomotiva: però tutto quello che non c'è sui giornali non puoi saperlo senza intercettare
    @Pyperita: ci avevo pensato di piangere, però mi è sembrato uno spreco di fluidi corporali
    @dranx: analisi spietata ma corretta, la tua
    @Daniele: non erano solide erano recitate in stile tv, cioè quello che piace alla gente
    @Impiegata: per fortuna prendo poche volte i mezzi pubblici ma nonostante ciò sto diventando sempre più intollerante verso questa maleducazione

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.