mercoledì 23 luglio 2014

Stupida banca

Ho ricevuto la newsletter mensile dalla mia banca.
In grande evidenza c'era che si poteva pagare on-line:
1) bollo auto
2) F24 semplificato.
Nessuna traccia dell'importo commissione per il bollo auto.
Il link della pagina all'F24 dava 404 not found.
Non solo: l'F24 semplificato non funziona, come ho scoperto l'altro giorno quando ho tentato di pagare la mia Tasi.
Al che sono andata sul sito della banca, per lamentarmi.
Lì ho scoperto che "Il reclamo BANCARIO prevede una tempistica di evasione di 30 giorni (a cura dell'ufficio Reclami)".
Sì, certo, certissimo, anzi improbabile dato che è da gennaio che sto aspettando una risposta in merito al rinnovo della mia carta prepagata.
Così ho scritto quel che pensavo di loro, della newsletter e dei servizi che erogano, senza volgarità, a parte un tot di "incazzare" e "quaquaraquà" che, per come lo intendo io, è un insulto feroce.
.
Il giorno che il loro funzionario di filiale sig. M.B., gentilissimo, espertissimo e un mago nel risolvere ogni e qualsiasi problema e/o menata, se ne andrà, chiuderò il conto.


martedì 22 luglio 2014

Le (?) idee della Lega

Dice Matteo Salvini, segretario della Lega: “Sciopero fiscale, così facciamo saltare lo Stato il 14 novembre”.
Come? Ah, secondo lui, è semplicissimo basta che
1) non apro il negozio e se apro non rilascio lo scontrino, faccio una corsa gratis del taxi, faccio straordinari gratis
2) Ho avuto l’alluvione? Mi hanno portato via tutto? E io non pago le tasse. E se arriva l’esattore lo mando via a calci. Facciamo avere paura agli altri
Bei sistemi, davvero, complimentoni.

Non solo: proporremo – precisa – un’aliquota fiscale secca al 20% uguale per tutti, dal nord al sud, per ricchi e poveri. La nostra scommessa è quella di far pagare di meno a chi oggi paga troppo e di costringere a pagare chi oggi non lo fa.

Come faranno a sapere i nomi di chi non paga?
Ahinoi, non l'ha spiegato.


lunedì 21 luglio 2014

Mai più senza

Non voglio immaginare per quale motivo, ma esistono le mutande di emergenza.
Confezionate in un comodo dispenser, sono in vendita su Amazon: 5 paia a $ 7,56.


venerdì 18 luglio 2014

Diventa una capra!

[...] il videogame per pc più venduto nel mese di giugno in Italia è [...] Goat Simulator, in cui non si uccidono nemici, non si navigano spazi siderali, non si infilano caramelle colorate, ma si simula una capra.

De gustibus...

giovedì 17 luglio 2014

Renzie, promesse vane

Due mesi fa, avevo letto che, a breve, si sarebbe potuto ottenere il DURC (documento unico di regolarità contributiva, cioè la conferma che l'impresa ha pagato INPS e INAIL) in tempo reale, on-line.
Avendo alcuni clienti che ce lo chiedono a scadenze regolari, mi sono affrettata a comunicare la lieta novella alla collega che fa la domanda per averlo.
Quindici giorni fa le ho detto che mi serviva un DURC.
L'altro ieri le ho detto: alura?
Risposta: ho fatto la richiesta, sto aspettando di sapere qualcosa da due settimane.
Al che ho cercato in Rete il come mai di ciò e ho scoperto che il DURC in tempo reale è ancora una chimera, in quanto manca il decreto attuattivo.
Oltre a questo decreto, ne mancano altri 510.

A onor del vero, Renzie ci aveva provato, nella bozza del decreto legge sulla Pa, a obbligare i ministeri a predisporre per tempo gli atti di propria competenza e, in caso di inadempienza, [dare] alla Presidenza del consiglio la possibilità di esercitare il potere sostitutivo.
Però, chissà come mai, eh?, questa piccola regoletta non è comparsa in Gazzetta Ufficiale, quindi non è entrata in vigore.

Insomma, alle solite: aria fritta.

mercoledì 16 luglio 2014

Cibo "ritoccato"

“l’illuminazione influisce in maniera determinante sui colori dei prodotti freschi in esposizione. L’illuminazione brillante degli espositori per prodotti freschi può attrarre gli acquirenti. L’impiego di filtri è una delle soluzioni per valorizzare il prodotto. I filtri, a seconda del prodotto da illuminare, sopprimono una parte di luce nello spettro della lampada, variando il modo in cui i colori vengono quindi percepiti. Esistono differenti tipologie di filtri, adatti a differenti prodotti”.

Insomma, nei supermercati può venir mostrato non il colore reale di carne, pesce, frutta e formaggi, ma quello che ce li fa sembrare più appetibili (così noi li compriamo subito).

Pare che sia stato fatto un esposto all'Antitrust al riguardo, in quanto trattasi di un "inganno" al consumatore (Direttiva 2005/29/CE dell’11 maggio 2005, Direttiva 2006/114 CE del 12.12.2006 e D.L.vo 27 gennaio 1992, n. 109).


martedì 15 luglio 2014

Cucinando

Tre ricette: la prima e la terza sono frutto del mix di alcune trovate in Rete, la seconda l'ho inventata sul momento.
Risultati: tutti assai buoni (le melanzane addirittura fantastiche!).

Torta di mele (o pere) cremosa
Ingredienti:
3 mele (o 3 pere grandi)
6 cucchiai colmi di farina
6 cucchiai colmi di zucchero
2 uova
125 gr di yogurt (bianco o alla banana)
1 bustina di lievito in polvere
1 pizzico di cannella
a discrezione, 2 chiodi di garofano
Sbucciare le mele, togliere il torsolo e tagliarle a pezzettoni.
Metterle in una pentola con un bicchere d'acqua (se graditi, aggiungere anche due chiodi di garofano) e cuocerle (a cottura terminata non deve restare acqua).
Se c'erano, togliere i chiodi di garofano, schiacciare le mele con la forchetta sino ad ottenere un purè, anche grossolano.
Una volta raffreddato, unire tutti gli altri ingredienti.
Mescolare, mescolare, mescolare.
Rivestire una tortiera, o tegame simile, di carta forno e versarci il composto.
Cuocere in forno, a 170°/180°, per 25 minuti.
E' buona fredda, ma di più tiepida.

Pasta pasticciata con peperonata
Ingredienti per 2 persone:
150 gr di pasta corta
8 cucchiai di peperonata (avanzata, perciò quando la si prepara farne un po' di più e surgelarla)
2 mozzarelle
mooolto parmigiano grattugiato
Scongelare la peperonata. Lessare la pasta al dente. Tagliare le mozzarelle a cubetti.
A cottura ultimata, scolare la pasta, mischiarla ben bene con la peperonata e la mozzarella.
Mettere il tutto in una teglia da forno, livellare e ricoprire con il parmigiano.
Infornare, a 180°, per dieci minuti (o sino a che ha una crosticina dorata).

Melanzane impanate, al forno
Come contorno, ingredienti per 2 persone.
Altrimenti piatto unico per 1 persona.
1 melanzana mediamente grande
1 uovo
3 cucchiai abbondanti di parmigiano grattugiato
pangrattato q.b. (la proporzione è 3 pangratto, 1 parmigiano)
olio di semi q.b.
Accendere il forno.
Tagliare la melanzana a fette rotonde, altezza ca. ½ cm.
Non serve più metterle a scolare con il sale, le melanzane dei grandi circuiti commerciali hanno "perso" l'amaro.
Coprire la leccarda con carta forno.
Spennellare la carta con poco olio.
Mischiare il pangrattato con il parmigiano.
Sbattere l'uovo.
Passare la fetta di melanzana prima nell'uovo e poi nel pangrattato.
Metterla sulla leccarda.
Continuare sino ad esaurire le fette di melanzana (non vanno sovrapposte).
Versare un filo, leggero, di olio sopra ogni fetta.
Infornare (a 200 °C, poi abbassare) per 10 minuti.
Togliere dal forno, girare le fette e continuare la cottura per altri 10 minuti.