venerdì 1 agosto 2014

UK vs France

Come già detto, a me i francesi indispongono.
Non c'ho mai avuto a che fare, ma non li reggo.
Sarà la loro strafottenza di perenne grandeur, sarà la famosa "certaine idée de la France", sarà come pronunciano la erre, boh.
A pelle, mi irritano. Punto.

Anche gli inglesi non li hanno mai amati molto e un signore di Stamford, Colin Furze, ha deciso di farglielo sapere in maniera inequivocabile: sta costruendo un'enorme macchina, da piazzare sulle scogliere di Dover, che sparerà enormi peti verso la Francia.

 


Bon, cara gente, da domani io sono ferie e rientro il 01.09.2014.
Buone vacanze.

giovedì 31 luglio 2014

Contro la stupidità nemmeno gli Dei possono nulla (*)

Abbiamo alcuni clienti "grossi". In particolare ce n'è uno che ha oltre 1.500 dipendenti e tre stabilimenti, più gli uffici a Milano, dove il QI medio degli impiegati con cui sinora ho avuto a che fare (e sono davvero tanti) è > 50. Questo cliente io lo chiamo tapun, peggiorativo plurale di tapa, che è, in dialetto milanes-cremasco, il ceppo di legno che rimane conficcato nel terreno dopo aver tagliato un albero quasi raso terra. E una tapa, si sa, è assai refrattaria ad ogni tentativo di smuoverla, figurarsi farle capire qualcosa.
L'ennesima dimostrazione di ciò l'ho avuta settimana scorsa:

- lunedì
arriva una e-mail da pinca.palla@tapun.com dove ci chiedono di compilare l'allegato DUVRI e restituirlo firmato entro 2 gg
rispondo che noi non effettuiamo lavori all'interno della loro società, ma spediamo tramite corriere il materiale che loro ci ordinano e che loro usano, quindi il DUVRI non lo dobbiamo compilare

- giovedì
ore 08:00 altra e-mail, da ciccio.pinco@tapum.com, in conoscenza alla tizia di prima: ERATA CORIGE (sic), oltre a compilare e firmare e inviare il DUVRI dobbiamo andare sul loro sito internet, entro le ore 18:00, loggarci e accettare tutte le clausole relative al capitolato dei lavori in appalto
copio/incollo la risposta che ho già mandato e, bontà mia, ci aggiungo link e testo di Wikipedia che spiega la rava e la fava riguardo al DUVRI

- venerdì
ore 08:00, ancora un'e-mail, sempre da ciccio.pinco, di nuovo in conoscenza alla tizia di cui sopra, stavolta minacciosa: se non compiliamo, firmiamo, spediamo il DUVRI e accettiamo le clausole sul loro sito, entro le 12:00, a partire dal 01.09.2014 ci sarà impedito l'accesso a tutti i loro stabilimenti/uffici
l'istinto era quello di rispondere macchissenefrega, quando mai siamo venuti/verremo a casa vostra?, poi ho pensato che non l'avrebbero letta, esattamente come quelle che avevo scritto in precedenza; mi son limitata a non mandare l'avviso di avvenuta ricezione, giusto per vedere se qualcuno se ne accorge.

Ad oggi, tutto tace.

(*) cit. Friedrich Schiller

mercoledì 30 luglio 2014

Il destino

C'è chi dice che il destino te lo crei tu, è nelle tue mani.
Io non la penso così, il destino ti capita.
Certo, se vai a 200 all'ora ubriaco e ti schianti contro un albero non è, ovviamente, un caso.
Pure se fai sesso senza precauzioni e ti ritrovi incinta, la colpa è solo tua.
Però, anche se i tuoi comportamenti non sono stupidi, certe cose succedono e basta.
Cose brutte, sì, ma anche cose belle.

C'è un film, "Sliding doors", che spiega bene il concetto di destino (dettaglio: la protagonista è afflitta da una sfiga micidiale).
La traduzione letterale del titolo è "Porte scorrevoli", però io me le immagino girevoli, così che si può uscire da uno "spicchio" invece che da un altro e ritrovarsi in una strada che ti cambia la vita.

A volte ripenso ai molti "spicchi" che ho imboccato nella mia esistenza, buoni e cattivi.
Potessi tornare indietro, non cambierei niente, per come sono io è sempre meglio un rimorso che un rimpianto.


martedì 29 luglio 2014

Regali di Stato

Il Mise (Ministero dello Sviluppo Economico) ha un "Fondo per la crescita sostenibile”, cioè dei quattrini per  promuovere l’innovazione agevolando i progetti di ricerca e sviluppo di piccola e media dimensione in determinati settori tecnologici.
Il Fondo è di 300 milioni di Euro.
Pardon, di 250 perché 50 milioni (un sesto del totale) il Mise li spenderà in consulenza, per farsi dire a chi dare i soldi.

Replica del Mise:
1) i 50 milioni costituiscono l’importo stimato dell’appalto tenuto conto delle risorse, ipotizzate in ben 5 miliardi di euro, che nel corso dei prossimi 5 anni – periodo di operatività del contratto di appalto – potrebbero essere veicolate dal fondo crescita al finanziamento di programmi di ricerca e sviluppo
2) l’aggiudicatario dell’appalto non avrà quindi diritto a 50 milioni di euro forfettari (importo massimo dell’appalto) perché la sua remunerazione riguarderà le attività effettivamente svolte in relazione al numero ed alla dimensione dei programmi che saranno finanziati dal fondo
3) l’attività richiesta per ciascun programma proposto dalle imprese impegna mediamente  il gestore per un arco di 14 anni

Ah, davvero? E allora avrei tre cosine da dire al Mife:
1) i 5 miliardi potrebbero esserci, quindi non è detto che ci saranno
2) in ogni caso, i 50 milioni sono spendibili
3) se il contratto dura 14 anni, com'è che le ipotesi del Fondo sono di 5 anni?


lunedì 28 luglio 2014

Gatti che fanno paura

E' partito, lunedì scorso, un nuovo programma su Real Time che si intitola "Il mio gatto è indemoniato".
8 episodi da un'ora l'uno in cui tale Jackson Galaxy, dicono il maggior esperto di  comportamento felino, tenterà di riportare i gatti a più miti consigli.
La prima puntata qui.


venerdì 25 luglio 2014

Incredibile

Ho un'antichissima casella di posta su libero.it che controllo raramente, in quanto mi è servita, illo tempore, unicamente per entrare in chat.
Ci vado forse ogni tre mesi, giusto per ripulirla dallo spam.
Ieri ci sono entrata, ho spuntato tutto e clickato spam.
E nella posta in arrivo sono comparsi millemila messaggi di Mail Delivery Service, tutti dicevano:

click per ingrandire
Cioè, fammi capire, tu, libero.it, che a settembre 2011, secondo Alexa.com, Libero eri il 251º sito a livello mondiale e il settimo sito a livello italiano per accessi, non hai una procedura automatica, dopo averle gestite, per cancellare le segnalazioni dello spam?
Robe da matti.

giovedì 24 luglio 2014

Il futuro avanza

Dopo Uber, un'altra novità che sta avendo un gran successo (e fa molto discutere): Airbnb, che permette a chiunque di affittare o subaffittare la propria casa per pochi giorni.
Alla facciazza di hotel, alberghi, pensioni e B&B in tutto il mondo.
E senza curarsi delle eventuali leggi e tasse locali.

Non so se il futuro sarà bello o brutto.
Però, in certi casi, è già qui.

click per ingrandire