venerdì 29 novembre 2013

Cavolini di Bruxelles, uso alternativo


1000 cavolini collegati l’uno all’altro formano una batteria vegetale che alimenta le luci di un albero di Natale posto a South Bank, a Londra. Creato da un gruppo proveniente dalla The Big Bang UK Young Scientists and Engineers Fair, il sistema funziona utilizzando elettori di rame e zinco tra un cavolino e l’altro e creando una piccola reazione tra gli elettrodi e il contenuto acido dei vegetali.
I
cavolini sono organizzati in modo da formare cinque celle energetiche in grado di prendere l’energia provocata dalla reazione e di rilasciare 63 volt di elettricità, sufficienti ad alimentare i LED dell’albero.
(Fonte: Gizmodo)

Chissà se dopo l'uso si possono mangiare.



12 commenti:

  1. Batterie del cavolino! :D

    RispondiElimina
  2. Le fette di limone, però, rendono di più. E vabbe', da quelle parti è più facile coltivare cavolini di Bruxelles che limoni.

    RispondiElimina
  3. ImpiegataSclerata29 novembre 2013 12:32

    Davvero, si usano per fare energia "verde" e poi si sprecano perchè non si possono mangiare?
    Saranno ecologisti come la tua collega?

    RispondiElimina
  4. "Elettori" di rame e zinco?
    Sì, sì, ho capito, dopo è scritto giusto, quindi è solo un monarca completamente rincoglionito...

    RispondiElimina
  5. "Che energia del cavolo!!"

    Cavoli però questa me l' hai servita su un piatto di cavolfiori!
    :D
    Geniale energy green!

    RispondiElimina
  6. Non discuto il risparmio di energia canonica, ma ho seri dubbi che dopo l'uso quei cavolini siano commestibili.

    Andando avanti di questo passo, quello che era il cibo sarà destinato all'energia elettrica e non, mi consola che ho l'età di chi può dire:
    CASSI DI CHI VIENE DOPO
    Ma avendo un figlio e una nipote, mi preoccupo per loro,
    L'illuminismo è stato seguito dal secolo industriale, il secolo industriale dal 1900 definito il secolo brebe, il secolo breve ha dato vita al secolo violento, ovvero, il presente.

    Il secolo violento sarà seguito da un novello secolo dei popoli nomadi e raccoglitori.

    Ok, sono entrata in un periodo di pessimismo sociale, ma non vedo sbocchi.

    Buona giornata Falle ;-))

    RispondiElimina
  7. @Kuntz: povero cavolo, nessuno lo menzionerà più :-))
    @Hank: stante le mie incompetenze al riguardo, ti credo sulla parola
    @Impiegata: è proprio la faccenda dello spreco che non mi convince
    @Mergeuz: non ho capito
    @Daniele: non so quanto sia geniale
    @Ernest: anche oh, nonna! :-))
    @Tina: questa cosa di usare cibo per altri usi mi piace poco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "@Mergeuz: non ho capito"
      Io forse si: stava parlando di un REFUSO.
      (Oppure non ho capito nemmeno io. Se costui tornasse a dare qualche spiegazione...)

      Elimina
    2. sì, d'accordo col refuso, ma il monarca che c'entra?

      Elimina
  8. Per come l'ho capita io RE=monarca, FUSO=tutto il resto. Ogni tanto mi diletto a risolvere le sciarade sulle riviste di enigmistica, e questa mi è venuta automatica. Poi, se non era quello che intendeva questo tipo, be', che t'aggi a di'. Ancora non si è fatto vivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maremma zucchina, non ci sarei mai arrivata da sola, neanche se ne andava della mia vita!!!
      Dell'enigmistica mi piacciono le parole crociate, per tutto il resto mio cervello si spegne.

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.