mercoledì 9 aprile 2014

Certo, certissimo, anzi impossibile

"La recessione è finita, ma la disoccupazione frena la ripresa".

Leggendo quest'affermazione di Draghi ho pensato: ma che cazzpita dice illo?
Cioè, se c'è ripresa la gente mica resta disoccupata, trova un lavoro, no?

Poi ho fatto un'altra considerazione: magari sono io che non capisco tale profonda esternazione, perché, al contrario di lui che è il Presidente della Banca centrale europea, è stato Presidente del Financial Stability Forum, è stato Governatore della Banca d'Italia, sono ignorante.
Al che ho cercato su un dizionario il significato delle parole, una per una: 
recessione = flessione nello sviluppo
finito = compiuto in ogni dettaglio SIN terminato
disoccupazione = Insieme di coloro che pur essendo disposti a lavorare non trovano occupazione
frenare = contenere qualcosa
ripresa = nuovo inizio dopo un'interruzione

Conclusione: avevo capito bene, Draghi ha detto una stronzata baggianata.


8 commenti:

  1. Draghi è un banchiere (non un bancario: proprio un banchiere). L'equazione è chiara per i banchieri: ricco=grossi conti correnti=persona da venerare; povero=pochi soldi in banca=da sopprimere subito. Non solo è da mo' che spara stronzate megagalattiche su questa crisi di cui lui è uno dei principali artefici, ma sta mirando ad approfondire ancora di più la crisi, in modo che i poveri crepino tutti e i ricchi siano sempre più ricchi. Alle lunghe, però, finirà per rimetterci anche lui, perché i ricchi senza i poveri a far gli schiavi per loro non avranno nemmeno più da mangiare.

    RispondiElimina
  2. ImpiegataSclerata9 aprile 2014 08:51

    Facciamo una colletta e regaliamo a Draghi un bel dizionario multilingue peso stimato qualche quintale e glielo facciamo recapitare sopra la testa lasciandolo di botto e gli facciamo fare SPLATH?

    RispondiElimina
  3. E prendere quello str... umpf, quell'escremento in forma umana di draghi e mandarlo a coltivarsi l'orto? L'Italia ne ha piene le palle di questi schiavi dei crucchi che pensano soltanto a massacrare le fasce deboli.

    RispondiElimina
  4. Starsene zitto na volta tanto no, eh?

    RispondiElimina
  5. Devo dire che anche a me questi proclami di fine recessione lasciano più che perplesso... Ciò non basta dire una cosa per renderla reale

    RispondiElimina
  6. Facci caso, le stronzate sono diventate la norma, se poi le pronunciano soggetti al potere, sono vangeli.

    Rammenti Monti un paio di mesi prima di essere nominato senatore a vita?

    Disse:

    Il capolavoro dell'euro è stata la Grecia.

    Lo vediamo ancora oggi che capolavoro è stato, meno male che sono atea.

    Buona giornata Dalle ;-))

    RispondiElimina
  7. @Thord: mi vien in mente un'antichissina vicenda riguardante braccia e stomaco
    @Impiegata: sì, ci sto
    @T.K.: potessimo, magari potessimo!
    @Daniele: eh, no, lui "conta"
    @Giulio: della serie facciamo prendere aria ai denti
    @Tina: ah, Monti! bell'esemplare di burocrate completamente avulso dalla realtà

    RispondiElimina
  8. per come sono fatti loro e per la loro ideologia ha detto la cosa giusta... per loro ripresa non significa lavoro, per loro vuol dire soldi che entrano nelle casse dei soliti. Per noi è tutta un'altra cosa ma noi non contiamo e secondo loro non capiamo

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.