giovedì 3 aprile 2014

Le promesse di Renzie

Sul sito valigia blu, dal 26 febbraio, stanno facendo le pulci a Renzie, controllando le promesse mantenute e quelle disattese:

Febbraio, riforme costituzionali ed elettorali
Marzo, riforma del lavoro
Censimento sul patto di stabilità entro il 10/3
Jobs Act pronto per l’incontro del 17/3 con Merkel
Debiti Pa, entro 15 gg decreto per sbloccare 60 mld
Cuneo fiscale, entro un mese soluzioni e coperture
Spending review, piano consultabile nel dettaglio tra 15 giorni
Edilizia scolastica, dal 1 aprile attiva unità di missione

Presentazione Jobs act, edilizia scolastica e piano casa il 12/3
“Renzi ha aggiunto che gli «atti tecnici», dal DEF ai decreti attuativi, saranno però realizzati da qui al 30 aprile“

Considerando che senza decreti attuattivi una normativa, che li prevede, non vale manco la carta su cui è scritta, risulta che, ad oggi, nessuna promessa è stata mantenuta.

Altre promesse del Renzie che andranno a scadere:
Misure fiscali, dal 1/5 tagli Irpef (+80 euro in busta paga) e Irap, energia meno cara per le Pmi
Dal 1/6 fondo da 500 mln per imprese sociali
Debiti Pa, entro il 21/9 sblocco pagamento di 68 mld (Matteo Renzi aveva promesso la scadenza entro luglio, poi l’ha posticipata)
Italicum e riforma costituzionale approvata in prima lettura entro il 25/5
Giugno, pacchetto giustizia in Parlamento
Edilizia scolastica, programma straordinario entro il 15/9. 

Quel che mi meraviglia è che tanta gente continui a dire "ma insomma, prima di giudicare, di dargli contro, aspettiamo di vedere quel che farà!".
Se tanto mi dà tanto, stiamo a posto.


8 commenti:

  1. Vado un po' fuori tema: quando vedevo le serie di punti esclamativi con degli 1 in mezzo ho sempre pensato ad errori di ortografia (visto che l'uno sta sotto il punto esclamativo). Ora però che vedo nella prima infografica la scritta "TEMPO SCADUTO!1!" mi domando se mi sono forse perso qualche aggiornamento dell'Accademia della Crusca...

    RispondiElimina
  2. non riesco manco a dargli del tempo a sto qui...

    RispondiElimina
  3. Con il Bomba, è tutta una pioggia di "non giudicatelo" e "lasciatelo lavorare". Ma che fosse solo un gran venditore di fuffa era chiaro fin dal principio. "Lasciatelo lavorare"??? Mandatelo a fanculo senza pensarci due volte!

    RispondiElimina
  4. Un cialtrone è e un cialtrone rimane. Lasciamolo lavorare? Col cazzo. Via dalle balle in tempo zero. Altro che "lasciamolo lavorare".

    RispondiElimina
  5. ImpiegataSclerata3 aprile 2014 22:21

    E chi l'avrebbe mai detto?

    RispondiElimina
  6. Non mi stupisce lui con le cazzate che spara, mi lascia di sale la marea di gente che crede a quelle cazzate.

    I figli naturali di Berlusconi si sono tenuti a distanza dal padre, il figlio virtuale ne calca le orme, la fotocopia perfetta, non per niente si è formato a uno dei suoi programmi: GIRA LA RUOTA.
    Solo che lo legherei alla ruota della santa inquisizione e la farei girare fino a snodarlo.
    OK, non riesco ancora a evitare i pensieri violenti, ma se li cerca lui e se li cercano i suoi accoliti.

    Buona giornata Dalle ;-))

    RispondiElimina
  7. @Giulio: no, non ti sei perso niente, trattasi di mero Orrore di stUmpa; quel countdown è gestito da uno script (di solito Javascript) nel cui interno, oltre alle istruzioni macchina, c'è scritto quel che deve visualizzare il browser come testo (hai presente il famoso Hello word in C? ecco, uguale), se tu digiti sbagliato, esce sbagliato (che è poi la prima regola dell'informatica: garbage in = garbage out)
    @Ernest: fosse solo il tempo da dargli!
    @Bartolus, @Ogmo: pienamente d'accordo con te
    @Impiegata: già, che sorpresa, eh?
    @Tina: la violenza non paga, tranne quando è necessario usarla

    RispondiElimina
  8. Beh, da un tizio che diceva
    "Io al governo ci andrò solo se votato dalla maggioranza
    degli italiani" ( e alla fine tutti lo hanno messo
    tranne proprio la maggior parte degli italiani )
    non è che ci si può aspettar tanto.

    Sembra, in effetti, il figlio del Berlusca: uno che le spara di continuo, promette, e alla fine cerca di "abbozzare" senza mantenere tutte le promesse.
    I tagli li sta facendo - anche se non è che risolvino tutti i problemi dell' Italia - ma, siccome alla fin fine son tutti
    DECRETI ( che, giusto per ricordare, sono quelle robe che diventano legge in un batter d' occhio ), il tempo per realizzare ciò che ha promesso... ce l' ha!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.