giovedì 17 novembre 2011

Ministeri scomparsi

Da un breve confronto tra i ministeri attuali e quelli precedenti, celo manca manca celo, ne risultano spariti quattro (sarebbero cinque, ma le Pari opportunità sono state accorpate a Lavoro e Politiche Sociali) cioè questi:
1) Pubblica amministrazione e Innovazione (ex Brunetta)
2) Riforme per il Federalismo (ex Bossi)
3) Gioventù (ex Meloni)
4) Semplificazione Normativa (ex Calderoli).
A parte la Meloni, di cui non posso dir niente in quanto niente so (e temo di non esser la sola) di quel che ha fatto/detto, la cancellazione di quel che si sono inventati Brunetta, Bossi e Calderoli è un gran sollievo.
Ancor meglio aver tolto la poltrona a Ignazio La Russa: la soddisfazione è quasi pari a quella di aver mandato a casa il silvio. Quasi.

http://www.insertosatirico.com/2011/11/semplificazioni.html

11 commenti:

  1. Mi-ti-ca!!!
    La vignetta poi, è il massimo :-)

    RispondiElimina
  2. E' il mago Merlino!!
    Ecco perchè si chiama Monti,
    è sceso dal monte con le sue magie!
    E speriamo le faccia...
    :O

    RispondiElimina
  3. La Russa era una caricatura alla difesa!

    RispondiElimina
  4. ImpiegataSclerata17 novembre 2011 11:25

    Adesso vorrei solo che si facesse il trota al forno che più di 10.000 euro e passa delle nostre/mie tasse che finiscano nelle sue (in)capaci mani mi fa girare veramente l'ingirabile.
    Se Bossi vuole che il suo giovin virgulto prenda 10.000 euro e fischi al mese, che glieli dia di tascuccia sua.

    RispondiElimina
  5. mamma mia... di calderoli si ricorda solo quella piazzata delle leggi bruciate, di brunetta solo il seggiolone nel consiglio dei ministri, di bossi bisogna chiedere alla Corna e sulla meloni non mi pronuncio che è meglio

    RispondiElimina
  6. Intanto i leghisti si consolano con la riapertura del Parlamento del Nord. Che bello sarà per loro non avere alcuna opposizione e leggi approvate col cento per cento dei voti.

    RispondiElimina
  7. Ma va, la Meloni era ministra dei ggggiovani?
    pensavo fosse nel diecastero per i Cesaroni (inteso, la serie TV, che al governo c'era cesarino, piccino piccino)

    Si, in effetti, di semplificazione e federalismo, s'è visto assai.
    Di Innovazione nella Publica amministrazione s'è visto tanto fumo, ma poco arrosto.
    Anzi, un aumento esponenziale del micromanagement (in italiano agreste, puntacazzismo) sulla forma invece che la sostanza.

    Mo' vediamo: mi pare si presentino benino.

    Certo, a fare una squadra che si presentasse peggio delle precedenti, non ci sarebbero riusciti neanche chiamando quelli del Bagaglino, i Vanzina e Albaro Vitali, tutti assieme.

    RispondiElimina
  8. Come dice la pubblicità, vedere le loro facce non ha prezzo.

    RispondiElimina
  9. Non per niente sono i più intossicati ;-))
    Tu hai fatto l'elenco dei cancellati, qua

    http://zacforever.wordpress.com/2011/11/16/il-confronto-impossibile/

    un graffiante e veritiero confronto tra i nuovi ministri e chi li ha preceduti nello stesso incarico.
    Ho il vago sospetto che ti piacerà ;-))
    Buona giornata Dalle e buon fine settimana ;-))

    RispondiElimina
  10. @Teresa: :-DDD
    @Daniele: speriamo sì
    @Ruben: La Russa era un pericolo
    @Impiegata: l'unico cuoco in grado di cucinarlo è Formigoni
    @Ernest: rabbrrrrividiamo
    @Alberto: si chiama consenso popolare padano
    @Locomotiva: attendiamo, fiduciosi
    @Pyperita: oddio, abbiamo pagato parecchissimo, eh
    @Giardigno: anch'io
    @Tina: mi conosci bene, mi è piaciuto assai

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.