venerdì 18 gennaio 2013

Condominio

E' arrivato l'avviso dell'assemblea condominiale.
Ordine del giorno: consuntivo spese, preventivo spese, varie ed eventuali.
Quando ero ancora giovane (un molto tot di anni fa), ho partecipato ad una serie di assemblee condominiali; all'epoca si tenevano nell'oratorio della chiesa sotto casa, probabilmente nella speranza che qualcuno ci mettesse una mano in testa. 
L'ultima a cui sono andata è stata così: inizio alle ore 21:00 e subito, prima ancora di parlar di spese, la dolcissima vecchietta del pianoterra ha massacrato a parole quelli del primo perché, a suo dire, erano degli zoccolanti (e non solo per le calzature), quelli del primo hanno minacciato lo strappo delle fronzute fronde (e piene di bestioline) cascanti da quelli del secondo, quelli del secondo han chiesto i danni per gocciolio di pipì di cane (povera bestia: se non lo portavano fuori alla fine la faceva dove stava, cioè sul balcone) agli sposini del terzo che han promesso azioni legali a tutti quanti. L'amministratore, impassibile, li ha lasciati sfogare all'evidente scopo di stancarli, così da ridurre qualunque eventuale obiezione sui conti. La faida pertanto è continuata: minacce, lei non sa chi sono io, chiamo i Carabinieri, non c'è bisogno, tanto la stanno già cercando, etc etc. Ad un certo punto, in un attimo di pausa (dovevano pur respirare), ecco che la signora col pallino del decoro architettonico è intervenuta: le grondaie in rame sono opache, vanno pulite (al che io ho immaginato un omino spenzolante giù dal tetto, con in mano straccio e paglietta intento a strofinare), mettiamo le fioriere (sì, brava, così tutti i cani dei condomini, e non solo, andranno lì, a marcare il territorio), ci vuole la passatoia sulla scala (passatoia?! cara grazia che abbiamo le scale!), rifacciamo le facciate e i balconi con colori più solari? (sì, un bel rosso fuoco, uguale a quello del saldo del c/c condominiale).
Per fortuna, gli altri, ripreso fiato, si sono coalizzati contro la spendacciona: sì, come no, c'è il tetto da controllare, i tombini da ripulire e noi mettiamo le fioriere, la passatoia e tinteggiamo! Al che è intervenuto l'amministratore: manca poco a mezzanotte, parliamo delle spese correnti e del preventivo?
Pronti via, di volata, ad approvare tutto quanto per poter portare i feriti gravi al pronto soccorso. 
Sto esagerando, ma neanche tanto: le intenzioni erano tali da giustificare la chiamata in via preventiva il 118. 
Non ce l'ho fatta più, da allora ho delegato sempre una vicina che la pensa come me (ma grida molto di più): spendiamo solo se è indispensabile.



13 commenti:

  1. Carino l'omino! Meglio con la boccetta del sidol e il batuffolo di ovatta! :) Io ancora devo capire se con la nuova normativa è cambiato qualcosa e andare alle riunioni ha senso; per ora mi pare viga ancora la buffonata della prima convocazione finta, quindi non ho molte speranze per il resto...

    RispondiElimina
  2. Tempo fa lessi che in Italia ci sono un milione di cause di condominio. Il numero non ha bisogno di commenti. Dove abito io, una casa antichissima ci cinque secoli, se proprio non ci amiamo tutti devo dire che andiamo abbastanza d'accordo.

    RispondiElimina
  3. Le assemblee condominiale formano il carattere.
    Buon week

    RispondiElimina
  4. ImpiegataSlcerata18 gennaio 2013 11:03

    Se può interessare, la settimana scorsa è finito sul giornale, un particolare condominio.
    Perchè? Beh... Se non detiene il record di cause legali tra condomini poco ci manca.

    RispondiElimina
  5. ahahahaahahha
    la vignetta riassume il tutto alla perfezione!
    Di solito vince sempre la condomina tirchia che non vuole spender manco un euro per sistemare la serratura del portone!

    RispondiElimina
  6. Anche io le evito come la peste.

    RispondiElimina
  7. Visto che sei rilassata, perchè alla tua mandi qualcun'altra, che ne dici se alla mia - che prevedo agitata non ci vai tu al posto mio?
    ps
    come da vignetta, attrezzati per la guerra.

    RispondiElimina
  8. A fine mese toccherà a noi, ma questa volta ad andare armata di metaforico mitra sarò io.

    Se sopravvivo ne scriverò, ma viste le reazioni, saremo in tanti ad arrivare con il mitra spianato.

    E dire che sino ad un anno fa eravamo considerati il condominio più pacifista del pacchetto gestito dall'amministratore.

    Buona giornata Dalle ;-))

    RispondiElimina
  9. Io mando sempre marito o, se non può, delego vicina. Non potrei mai partecipare: purtroppo per me, non so tacere....

    RispondiElimina
  10. @Santarellina: chi l'ha fatta dice che la nuova normativa è una riforma epocale, quindi ritengo non cambierà nulla o quasi
    @Alberto: rara avis casa tua
    @Ruben: e intasano i tribunali
    @Impiegata: dev'essere un condominio di gente coi soldi, gli avvocati costano l'iradiddio
    @Daniele: mica sempre, purtroppo
    @Pyperita: e fai bene
    @Raccontatore: ma neanche se mi paghi in cioccolato svizzero!
    @Tina: ahia, se ci vai tu prevedo parecchi morti e feriti ;-)
    @Azalea: stesso difetto che ho io

    RispondiElimina
  11. Ho letto nella descrizione iniziale dell'assemblea, le lamentele per pipi' di cane sul balcone. Mi dispiace, ma non e' una cosa comica. Sto' vivendo la stessa situazione, puzza nauseabonda e corrosione corrimano / bordo balcone. Nessuno mi aiuta, in quanto, per caratteristiche particolari dei balconi, quello supeeriore e' leggermente piu' stretto e mi becco tutto il liquame; quello sotto dice di non avere problemi. Hanno detto all'amministratore che non sopporto i i cani! Qualcuno si sara' reso conto, ma e' piu' facile infischiarsene e badare ai fatti propri.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.