lunedì 13 gennaio 2014

I conti non tornano

Il presidente del Cic (collegio italiano dei chirurghi) ha scritto al ministro della salute per lamentarsi degli spot tv che invitano a chiedere risarcimenti per la malasanità.
Ha anche chiesto che venga approvata al più presto una legge che regoli il contenzioso medico-legale.
Aggiunge che nel 95% dei casi le richieste di risarcimento si concludono con esito favorevole nei confronti del medico.
Spiega che i medici, spinti sempre più verso una medicina difensiva molto costosa e, da qualche tempo, anche astensiva [...] evitano casi difficili e ad alto rischio che potrebbero sfociare in un contenzioso medico-legale.
E che si è creata una situazione ormai insostenibile per gli alti costi delle polizze assicurative e per la fuga delle società assicurative.

Ora,  se solo il 5% delle volte le assicurazioni devono pagare, come mai le polizze sono diventante  carissime o addirittura non le vogliono più stipulare?


6 commenti:

  1. C'é un modo di conciliare queste affermazioni. La polizza copre il medico / l'ospedale, sia che gli facciano una causa o mille. Tempo addietro il 5% di poche cause era pochi soldi. Ora il 5% di tante cause è tanti soldi da dare. E il premio s'impenna... (cit.)

    RispondiElimina
  2. potrei scrivere un fascicolo infinito sui danni che la sanità ha fatto alla mia famiglia... ultima caso quello di mia nonna che per colpa di una piaga è mancata un anno e mezzo fa. Quindi mi fermo e non commento altrimenti potrei essere davvero volgare...

    RispondiElimina
  3. Prima di tutto la gente la deve piantare con le denunce facili e la caccia alle responsabilità a qualunque costo. In qualunque campo, mica solo in medicina. Poi ci vorrebbe una legge ferrea che regolamenta le polizze assicurative.

    RispondiElimina
  4. bah, se conosco le assicurazioni, per arrivare in fondo a quel 95% di cause che vincono devono comunque anticipare loro le parcelle di avvocati e periti.
    E calcolando che quando ho fatto un incidente mi hanno alzato la polizza di due classi, cioè 100 euro ogni anno per cinque anni, quando il loro sforzo è stato spedire numero una (1) raccomandata, a far due conti...

    RispondiElimina
  5. ImpiegataSclerata13 gennaio 2014 21:38

    Eccolollà! L'ennesimo mistero italiano. Il problema è che di questi misteri ce ne sono troppi. E noi paghiamo.

    RispondiElimina
  6. @Verzasoft: statisticamente il discorso non regge
    @Ernest: sapessi quanti come te!
    @Derzill: magnifico, impunità per tutti! ognuno fa quel che gli pare e non risponde delle sue azioni, una vera pacchia! vorrei vedere se succedesse a te di avere un danno causato da terzi se la penseresti ancora così
    @Locomotiva: non conosco le percentuali dei sinistri pagati ma sono convinta che siano ben più del 5%
    @Impiegata: e quel che è peggio, non abbiamo alternative

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.