mercoledì 22 gennaio 2014

Social eating

Tramite Gnammo è possibile invitare a casa propria dei perfetti sconosciuti e dargli da mangiare (a pagamento) quel che si è cucinato.
In due anni, sono stati organizzati oltre 800 di questi "eventi".

A me 'sta cosa sembra follia allo stato puro: come cazzpita fai a sapere che non ti stai tirando in casa qualcuno che prende nota di quel che c'è da rubare e poi lo dice ad un amico ladro?
O, peggio, uno o più  fuori di testa.

Mah.

11 commenti:

  1. Bisogna essere furbi: si invitano degli sconosciuti a "gnammare" non in casa propria, ma in qualche locale secondario, tipo la vecchia casa in campagna dove c'è ben poco da rubare o altri posti del genere.
    Oppure si fa come la maggior parte della gente: quello che si cucina lo si fa "gnammare" solo ai propri familiari...

    RispondiElimina
  2. spero che la regitrazione sia un minimo affidabile cond ati certi e verificabili?

    RispondiElimina
  3. Invitare un perfetto sconosciuto a mangiare a casa propria vuol proprio dire cercarsele. Se poi ti, ah, gnammano anche l'argenteria poi son caaaaaaaaaaaaaaa....lippi tuoi.

    RispondiElimina
  4. Prima si chiede la fedina penale e il certificato di sana e robusta costituzione psicofisica ( anche per tutelarsi da eventuali danni provocati con la propria cucina...)

    RispondiElimina
  5. son momenti in cui il concetto di 'braccia rubate all'agricoltura' si innalza di un ordine di grandezza.
    Anzi, no, niente zappa. In miniera. Dove la banda larga proprio non prende.

    RispondiElimina
  6. ImpiegataSclerata22 gennaio 2014 20:49

    Se è per questo ci sono pure perfetti sconosciuti che fanno lo scambio di casa mettendosi d'accordo su internet per fare vacanze a basso costo e/o cambiare aria (hanno pure fatto un film dove due donne in grave crisi sentimentale lo fanno).
    Ma neanche!

    RispondiElimina
  7. @Hufax: direi la seconda
    @Ruben: credo come tutte le registrazioni su Internet, cioè no
    @Eddan: certa gente è fuori di testa
    @Redcats: giusto, si sa mai quel che può succedere a uno stomaco delicato
    @Locomotiva: concordo pienamente
    @Impiegata: ne avevo letto, ma credevo fosse (solo) nei film

    RispondiElimina
  8. ImpiegataSclerata23 gennaio 2014 09:35

    @dalle8alle5: Oh no ci sono diversi siti, ho appena usato zio google digitando sempliemente "scambio casa" si è aperto un'intero mondo in tutto il mondo.
    Sarà ma a me tutta questa ecccessiva fiducia verso il prossimo fa solo venire in mente quella povera ragazza "Pippa Bacca" che se ne partì vestita da sposa in autostop per portare un messaggio di pace in Medio Oriente e che purtroppo per lei, nvece, incontrò un rifiuto umano.

    RispondiElimina
  9. concordo, non lo farei mai... ma poi in casa. Mah!

    RispondiElimina
  10. @Impiegata: mai avuto fiducia verso il prossimo, anzi proprio tutto il contrario; sì, Pippa Bacca ha pagato con la vita la propria "leggerezza"
    @Ernest: figggurati se apro le porte a non si sa chi, escluso!

    RispondiElimina
  11. Io ho fatto anche belle amicizie su Internet, ma è sempre proseguito per gradi. A casa mia invito solo chi ormai conosco di persona da un bel po' di tempo.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.