giovedì 17 luglio 2014

Renzie, promesse vane

Due mesi fa, avevo letto che, a breve, si sarebbe potuto ottenere il DURC (documento unico di regolarità contributiva, cioè la conferma che l'impresa ha pagato INPS e INAIL) in tempo reale, on-line.
Avendo alcuni clienti che ce lo chiedono a scadenze regolari, mi sono affrettata a comunicare la lieta novella alla collega che fa la domanda per averlo.
Quindici giorni fa le ho detto che mi serviva un DURC.
L'altro ieri le ho detto: alura?
Risposta: ho fatto la richiesta, sto aspettando di sapere qualcosa da due settimane.
Al che ho cercato in Rete il come mai di ciò e ho scoperto che il DURC in tempo reale è ancora una chimera, in quanto manca il decreto attuattivo.
Oltre a questo decreto, ne mancano altri 510.

A onor del vero, Renzie ci aveva provato, nella bozza del decreto legge sulla Pa, a obbligare i ministeri a predisporre per tempo gli atti di propria competenza e, in caso di inadempienza, [dare] alla Presidenza del consiglio la possibilità di esercitare il potere sostitutivo.
Però, chissà come mai, eh?, questa piccola regoletta non è comparsa in Gazzetta Ufficiale, quindi non è entrata in vigore.

Insomma, alle solite: aria fritta.

8 commenti:

  1. ImpiegataSclerata17 luglio 2014 08:35

    Voto Dante. Hello Kitty non la sopporto e Giuseppa Maiala idem

    RispondiElimina
  2. Promessa del Bomba: "Prometto di incantare più gonzi possibile e alzare il maggior numero di cortine fumogene".
    Promessa ampiamente mantenuta.

    RispondiElimina
  3. Quando la pianteremo, tra tutti quanti, di dargli retta, di slurpargli il culo (questo soprattutto i media), di credere che "non ci siano alternative" a lui? Quand'è che la gente si stuferà davvero di farsi prendere per il culo? Un altro piazzale Loreto, va'.

    RispondiElimina
  4. Quando qualcuno esalta l'operato del signor Rottamatore, bisogna cominciare ad esibire la reazione "Renzie CHI?". Smontare un pezzo alla volta la sua immeritata popolarità sarebbe il modo migliore per scaraventarlo nel cesso.

    RispondiElimina
  5. Tu sai bene che il rimando, contenuto in una legge, al decreto attuativo è una prassi. Decreto attuativo che di solito non viene mai definito lasciando però al politicante la possibilità di dire: "ma noi abbiamo fatto, se poi non c'è il decreto attuativo ...".
    Assomiglia molto alla prassi alla ponzio pilato.
    Vuoi per caso che sia invece una scelta ben pensata per non fare mai e poter vendere come fatta?

    RispondiElimina
  6. Mi sa che il Fonzie fiorentino non sa nemmeno cosa siano i decreti di attuazione...

    RispondiElimina
  7. Attenzione che il Bomba, quando promette qualcosa, poi fa giusto l'opposto. "Mai al governo, sosterrò il governo di Enrico Letta", tsè. eccolo lì. "Mai più larghe intese", nooo, solo un continuo susseguirsi di accordi con quell'uomo di merda che mi rifiuto di nominare. Devo continuare?

    RispondiElimina
  8. @Impiegata: io non sopporto neanche Dante
    @Bronto: ad incantare gonzi è bravissimo
    @Badoski: no, l'estremismo non va bene; mandiamolo a casa, basta e avanza
    @Minos: il problema è che è osannato da giornali, tv e media vari ed eventuali
    @Raccontatore: temo che sia peggio, cioè manca la volontà politica di fare
    @Supercoso: lo sa, lo sa, ma non vuole (non può?) farci nulla; molto bello il tuo nick, complimenti
    @Blinkov: no, per pietà, hai chiarito il concetto benissimo

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.