mercoledì 3 dicembre 2014

Questione di privacy (?)

L'associazione di categoria di cui facciamo parte mette, in fondo alle e-mail, questa dicitura:
"Questo messaggio email puo' contenere informazioni riservate ESCLUSIVAMENTE AL DESTINATARIO.
Il RICEVENTE, se diverso dal DESTINATARIO, e' avvertito che qualunque utilizzazione, divulgazione o copia di questa comunicazione comporta violazione delle disposizioni di Legge sulla tutela dei dati personali, ed e' pertanto rigorosamente vietata.
Qualora il messaggio sia stato ricevuto per errore, Vi preghiamo di informarci immediatamente via email all'indirizzo privacy@*******.it
"

Ora, se tu mandi al mio indirizzo e-mail Nome.Cognome@ditta.com (che ti ho dato io, quando me l'hai chiesto illo tempore) la tua e-mail, vuol dire che poi la ricevo io, pertanto sono il destinatario, altrimenti non mi sarebbe arrivata.
Quindi, che cacchio fritto vuol dire "RICEVENTE, se diverso dal DESTINATARIO"?
O all'associazione sono convinti che l'e-mail funzioni come il fax o qualcuno non ha la minima idea del significato di quel che scrive.

5 commenti:

  1. I miei colleghi mi criticano perché non metto le cagate per la privacy in fondo alle mie mail; a questo punto, aggiungerò ad ogni messaggio un link a questo post per far capire loro che non sono l'unico a giudicarle una stronzata megagalattica.

    RispondiElimina
  2. ImpiegataSclerata3 dicembre 2014 08:50

    Considerando quanta gente si sbaglia e invece di scrivere
    Nome.Cognome@ditta.com
    scrive
    Nome.Cognome@ditta.it
    NomeCognome@ditta.com
    Nome.CAgnome@ditta.com
    NAme.Cognome@ditta.com
    Nome.Cognome#ditta.com
    ecc ecc ecc la firma automatica con la frasetta è indispensabile, soprattutto dal punto di vista legale per impedire che ciò che arriva ad altri per sbaglio sia usato impunemente.

    RispondiElimina
  3. 'Ste minchiate della pràivasi potrebbero contenere qualunque cosa; puoi pure metterci il tuo numero di cellulare con un annuncio porno, tanto nessuno arriverà mai a leggere fino a lì. Anzi, la maggior parte della gente legge l'oggetto della mail, magari qualche parola del testo, e basta, finita lì. Io fossi nei vertici di quell'associazione eviterei di generare traffico di rete inutile con tutti quei byte della sbrodolata sulla pràivasi; il messaggio risulterebbe più snello, intaserebbe meno la rete (immagina miliardi di messaggi che girano ogni giorno, tutti con la loro sbrodolata) e non si correrebbe il rischio di raccontare un mucchio di stronzate.

    RispondiElimina
  4. Ormai si lavano la responsabilità con l'acqua fetida dell'equivoco.
    Secondo te, tutti quelli che leggono si pongono la tua stessa domanda?
    Buona giornata Dalle ;-))
    Tina

    RispondiElimina
  5. @Studd: mi sa che siamo in tanti a giudicarle così
    @Impiegata: scarico di responsabilità, insomma
    @Zeb: al carico della Rete non ci avevo pensato
    @Tina: dubito assai

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.