giovedì 19 febbraio 2015

A conti fatti

Nell'estate del 2014 venne aumentata la tassa sull'equo compenso per la copia privata perché i poveri autori prendevano troppo poco (dalla Siae). Piagnucolava così (e continua a farlo) il sito apposito: "La copia privata è uno strumento fondamentale per salvaguardare la cultura del nostro paese e chi la fa. E’ una tutela degli autori, un compenso per la creatività, un capitale creativo".

Adesso si scopre che:
- il nostro Paese, da solo, ha contribuito per oltre un quarto alla raccolta complessiva mondiale di compensi per copia privata (237 milioni di euro).
- un terzo dei quattrini pagati in Europa per copia privata viene dall'Italia
In più, i compensi da diritto d’autore “per abitante” raccolti nel mondo: la media nei 120 Paesi nei quali operano le 250 società aderenti alla Cisac è stata pari, nel 2013, a 1,30 euro per abitante mentre quella europea è stata pari a 5,32 euro. Quella italiana, invece, ha sfiorato il doppio di quella europea.


7 commenti:

  1. Vogliamo tagliare sprechi e tartassaggi sulle spalle dell'utenza? Aboliamo la SIAE: organismo mangiasoldi totalmente inutile. Tanto tutte queste tartasse vanno a finire nelle tasche della SIAE: gli autori continuano a non guadagnarne una cippa.

    RispondiElimina
  2. vogliamo aggiungere che il meccanismo SIAE è tale che se percepisce soldi da un borderò - ovvero qualcuno ha suonato/recitato/fatto ed ha pagato per suonare/recitare/fare - il meccanismo è attaccare fuori una comunicazione in un angolino dicendo "tal Muti Riccardo ha diritto a tre euro di quella singola esecuzione, si faccio vivo entro" - in mezo a un milione di comunicazioni simili.
    E se metti il buon Riccardo Muti non passa di lì 'entro' per quei tre euro, i soldi finiscono nella cassa comune e divisi con criteri SIAE

    RispondiElimina
  3. Nessun commento, solo bestemmie...

    RispondiElimina
  4. SIAE=Spesa Inutile Arbitrariamente Estorta. Propongo di abolirla.

    RispondiElimina
  5. Tassa fortemente voluta dal porco di Arcore, e fortemente mantenuta dai suoi successori, forse pure aumentata dal bischero di Firenze. Tanto chi paga? Noi!

    RispondiElimina
  6. Basta dire che questo è uno di quelli che ha spinto per questo equo compenso:
    http://www.corriere.it/spettacoli/15_febbraio_19/blitz-finanza-casa-gino-paoli-accusato-evasione-fiscale-ded46934-b81f-11e4-8ec8-87480054a31d.shtml

    RispondiElimina
  7. @Toppix: non tutti gli autori, per un perverso meccanismo, della Siae stessa, c'è chi guadagna un'iradiddio e chi niente
    @Locomotiva: questa non la sapevo, non c'è proprio limite al peggio
    @Giulio: essendo agnostica, io dico parolacce
    @Wobbler: ottima proposta
    @Bobo: come sempre (ma che bello il tuo nick, evoca un omaccione, di quelli modello armadio 4 stagioni, wow!)
    @Riva00: e ben gli sta!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.