lunedì 6 luglio 2015

Resoconto

Quando è "partito" Internet, qui in azienda mi hanno chiesto di fare un contratto con un provider.
Considerando che il nostro uso è sempre stato quasi unicamente per la posta, all'epoca avevo scelto Telecom, la tariffa flat minima, quella da 19 e rotti euro al mese.
Perché Telecom?
Perché i cavi sono di Telecom e finiscono in una centrale Telecom, se c'è un guasto il problema è di Telecom e se lo deve smazzare lei. Alla svelta.
Qualche anno dopo è arrivato figliodelcapo.
Che è inorridito quando ha scoperto che avevamo Telecom da 19 e rotti euro al mese e mi ha fatto un pippone sul fatto che era troppo "poco potente" per una società.
Ho replicato che ci aveva sempre servito egregiamente ma lui non ha sentito ragioni.
Visto che a casa sua aveva Fastweb, l'ha contattata per fare un contratto omnicompresivo: telefoni e Internet anche da noi.
Tralascio i problemi, tutt'ora in essere, con i telefoni.
Il fatto (grave) è che qui non abbiamo la fibra, quindi Fastweb ci ha dato la connessione usando fisicamente i cavi di Telecom.
Che Fastweb potesse fare ciò, a figliodelcapo non è neanche passato per l'anticamera del cervello, lui a casa aveva la fibra, quindi ciò valeva per tutto il resto del mondo, ovviamente.
L'ha scoperto mesi dopo aver fatto il contratto, quando si è accorto che in ufficio andava meno veloce che a casa e mi ha chiesto se ne sapevo qualcosa.
È che Fastweb non ha la fibra in zona, pertanto ci hanno dato un cavo Telecom vecchia maniera, ho risposto.
Sorpresa e incredulità sono comparsi sulla sua faccia, seguiti da orrore e raccapriccio quando ha compreso che così stavano davvero le cose.
Con l'occasione, gli ho fatto presente che, in caso di guasti da riparare in centrale Telecom l'avremmo pagata cara: prima ci sarebbe stato il palleggio tra Fastweb e Telecom (problema vostro, dice la prima; no, problema vostro, dice la seconda); una volta stabilita la colpa di Telecom mica un tecnico Fastweb può entrare nella centrale Telecom, pertanto è Telecom che deve lavorare per risolvere il problema.
Quando? Il buon senso dice: dopo che ha servito i propri clienti che, se c'è un guasto in centrale, saranno parecchi.
Quindi, quelli con un altro provider finiscono in fondo alla lista.
Nel sentire ciò, figliodelcapo mi ha guardato come se fossi scema, ha scosso la testa e se n'è andato.

Ecco il motivo per cui siamo rimasti senza Internet quasi 2 giorni.
E l'abbiamo riavuto perché io mi sono incazzata come una jena e ho mandato, ignorando le proteste di figliodelcapo, un fax minatorio, con richiesta danni, a Fastweb. Due ore dopo che l'hanno ricevuto, tutto funzionava alla perfezione.
Salvo che subito dopo figliodelcapo ha messo le mani nell'armadio del firewall e del router, ha scavato  qui e là, ha staccato/attaccato cavi a manetta e, di nuovo, siamo rimasti senza Internet.
Senza nessuna colpa di Fastweb, stavolta.
Nei due giorni successivi figliodelcapo ha smanassato nell'armadio da mane a sera, col risultato che Internet andava per 30 secondi dopodiché saltava e mancava per ore ed ore.
Intanto ogni tre minuti uno di noi andava da lui e gli chiedeva: allora? quando potremo avere la posta? quando potremo collegarci alle banche? quando potremo scaricare i dati dall'Agenzia delle Dogane? quando potremo usare Google Maps per fare i giri dei camion? quando potremo etc.etc..
Fosse stato per figliodelcapo, avrebbe continuato a far tentativi sino al giorno del giudizio pur di non ammettere di non saperne abbastanza per risolvere il guaio.
Solo che noi, furbissimi!, ogni tre minuti andavamo anche dal capo e gli facevamo le stesse domande.
Il pressing (sul capo) ha funzionato.
Venerdì, ore 08:00, è arrivato un tecnico esperto.
Che ci ha messo un sacco di tempo a risolvere perché prima ha dovuto capire cosa accidenti aveva fatto figliodelcapo.
Però, alla fine, ha risolto.
E abbiamo riavuto Internet.
 

9 commenti:

  1. Per citare Ernest, diffidare sempre dei figlidelcapo. E guarda un po' se risalire la catena gerarchica - e generazionale, se questo capo è papàdifigliodelcapo - non ha funzionato! Mettete una tagliola dentro l'armadio degli apparati di rete, per la prossima volta che succederà un patatrac del genere.

    RispondiElimina
  2. mi sembra di capire che figliodelcapo non è un genio

    RispondiElimina
  3. Ecco, se adesso riusciste a convincere papino capo a "promuovere" questo suo figlio idiota e a sbatterlo dietro qualche scrivania dove non possa più fare danni, sareste davvero a cavallo.

    RispondiElimina
  4. ImpiegataSclerata6 luglio 2015 12:37

    Beati quelli che sanno di non sapere, almeno non fanno casini ma cercano qualcuno che sia in grado di risolvere i problemi.
    Purtroppo, invece, il mondo è pieno di coloro che non sanno una cippalippa ma smanassano a capocchia come se lo sapessero col risultato di fare solo dei gran pasticci.

    RispondiElimina
  5. ma qual'era l'intenzione del filgiodelcapo nel mettere le mani su router e switch?? forse è meglio non chiederselo.

    RispondiElimina
  6. sic transit gloria mundi ;o)
    f.

    RispondiElimina
  7. @Pedro: una tagliola è poco!
    @Verzasoft: sì, davvero
    @Ernest: ma cossa mi dicci mai!
    @Ozom: è già dietro una scrivania ma ciò non basta a fermarlo
    @Impiegata: certa gente è arrogante, sempre
    @Ruben: e chi lo sa? gli vengono le idee più strane
    @Giulio: ma anche no, eh
    @F.: e muoia Sansone con tutti i Filistei!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.