lunedì 14 settembre 2015

La Germania e i profughi

Quando ho letto che la Germania era disposta ad accogliere 500.000  migranti all'anno per alcuni anni, mi son chiesta: perché?
Tutto questo buon cuore da parte della Merkel non riuscivo a spiegarmelo.
Un tornaconto doveva pur esserci, altrimenti avrebbe chiuso le frontiere.
Questa potrebbe essere una buona spiegazione del comportamento della sciura Angela:
[...] i migranti rappresenta[no] un immenso bacino di manodopera a buon mercato, peraltro estranea alla tradizione della lotta di classe: permette di esercitare una radicale pressione al ribasso sui salari dei lavoratori, spezza l’unità – ove essa ancora sussista – nel movimento operaio e, ancora, consente ai padroni di sottrarsi ai crescenti obblighi di diritto al lavoro. L’immigrazione è oggi usata dal capitale come strumento nella lotta di classe: al capitale non interessa integrare i migranti; interessa, semmai, usare i migranti come nuovi schiavi e poi anche come arma per disintegrare i non-migranti, rimuovendo loro i pochi diritti superstiti.

Quel che Germania non è riuscita a conquistare con due guerre, lo vuole avere con le armi dell'economia.
E ci sta già riuscendo: il 2014 è l’ottavo anno consecutivo in cui la Germania supera la soglia del 6% consentita dall’Ue per le esportazioni. Le ultime previsioni della Commissione Europea stimano che la Germania nel 2015 raggiungerà l’8% di surplus commerciale e il 7,7% nel 2016.
Per riportare l'export entro i limiti del 6% la Germania dovrebbe quindi basare meno la propria economia sull’export e incentivare consumi investimenti. Secondo alcuni analisti solo così Berlino può aiutare l’Eurozona nel suo complesso a uscire dalla spirale negativa contro cui combatte. L’alternativa, di fronte a nuove dosi di deflazione e recessione “equivale – secondo il Csc – a un’eutanasia per l’euro“.


4 commenti:

  1. ImpiegataSclerata14 settembre 2015 08:28

    Io avevo sentito che la Germania (e l'Inghilterra) si erano decisi a prendere tutti quei profughi sì, ma solo Siriani, perchè più "abbienti", istruiti e soprattutto perchè lavoratori altamente specializzati rispetto ad altre etnie.

    RispondiElimina
  2. Attenzione, quella dell'accoglienza di 500.000 profughi all'anno è, non dico una bufala, ma una notizia mal riportata. Un ministro crucco, non l'imperatrice in persona, ma ribadisco un ministro, ha detto che la Crucchia POTREBBE accogliere mezzo milione di profughi all'anno per parecchi anni prima di andare a gambe all'aria. POTREBBE, capito? Non è detto che abbiano la minima intenzione di accogliere così tanta gente - se conosco bene i crucchi, non lo faranno mai. Solo che i NOSTRI media, che capiscono il crucco più o meno come capirebbero il vietnamita, hanno montato 'sta menata e ce la stanno propinando in tutte le salse.

    RispondiElimina
  3. non la facevo così lattiera :-) ... ma avrà superato le quote assegnate anche in questo?

    RispondiElimina
  4. @Impiegata: cioè sanno leggere e scrivere, direi
    @Karl: il ministro qualunque non lo è, trattasi del vice della Merkel, il vice-cancelliere Sigmar Gabriel; potrebbe non vuol dire che non lo si fa, a me pare il contrario
    @Raccontatore: ehilà, bentrovato! la sciura Angela fa quel che le pare e tutti devono stare zitti e buoni

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.