mercoledì 9 settembre 2015

Moralizzare le strade

Paolo Riccaboni, sindaco (PdL) di Spino d'Adda (CR) vuole emettere un'ordinanza che obblighi le prostitute sul territorio comunale (S.S. Paullese compresa) ad indossare di giorno il giubbino catarifragente e di notte anche i pantaloni a bande riflettenti.
Chi viene beccata senza, 500 euro di multa.

«Le professioniste - dice il vicesindaco Luciano Sinigaglia - vengono equiparate ai lavoratori che operano sui cantieri stradali obbligati ad indossare indumenti che li rendano ben visibili».
In Comune sperano che l’addio obbligato a tacchi vertiginosi, minigonne inguinali e al resto del look tipico del mestiere più antico del mondo, pensato e voluto per attirare i clienti, possa scoraggiare le prostitute dall’esercitare nel territorio spinese.

Domanda: come faranno a obbligare le donne a pagare?
La maggior parte non solo risulterà nullatenente, ma probabilmente anche senza fissa dimora (se non, addirittura, clandestina).
Quanto alle speranze del municipio, mi sembrano pie illusioni.

7 commenti:

  1. ImpiegataSclerata9 settembre 2015 08:21

    Riusciranno a farsi pagare nello stesso modo in cui da altre parti riescono a farsi pagare le multe dai vu cumprà. Ciccia, niet, nisba. Asta la vista.
    Ad esempio, per quanto riguarda i vu cumprà, a Cesenatico è successo questo (cit. copincollo da http://www.ilgiornale.it/news/politica/allultima-spiaggia-1158772.html):
    Milioni di euro di contravvenzioni mai saldate sono finite a bilancio e il governo ora pretende quei soldi. Così il Comune ha alzato le tasse (ai cittadini).

    RispondiElimina
  2. Il sindaco pensa forse che vestire le prostitute da cantonieri faccia perdere loro clienti? Altrimenti non è spiegabile una simile disordinanza...

    RispondiElimina
  3. E dopo le mignotte vestite da cantonieri, la prossima ordinanza del sindaco prevederà che i cantonieri si vestano con minigonne, calze a rete e tacchi a spillo e vadano a battere i marciapiedi per tirare un po' più di soldi nelle casse comunali.

    RispondiElimina
  4. carine con giubbottino d'ordinanza!! potrebbero mettere anche cartelli con scritto: women at work!

    RispondiElimina
  5. c'ho in listino delle minigonne catarinfrangenti da urlo.
    Lo stivalone tacco venti con i LED lampeggianti nel platform devo ordinarle, ma credo siano disponibili.

    (E, essendo PDL, forse il sindaco sgabola il servizio su Studio Aperto su "le ordinanze più sceme dell'estate")

    RispondiElimina
  6. Mah, per il pagamento faranno in natura, chissà...

    RispondiElimina
  7. @Impiegata: amministratori comunali geniali a Cesenatico
    @Dardan: cosa pensi il sindaco a me risulta un mistero
    @Anton: non si può, i cantonieri devono rispettare l'abbigliamento di sicurezza
    @Ruben: e le frecce per indicare dove stanno, sì
    @Locomotiva: quelli del PdL son capaci di tutto (tacco venti? azz!!!)
    @Orrevan: 500 € di pomodori, uva, mele, melanzane, peperoni son una bella massa

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.