giovedì 8 maggio 2014

Class action dei pendolari Trenord

Due settimane da incubo: migliaia di pendolari nel dicembre 2012 subirono le conseguenze di un sistema di trasporto su rotaie in tilt, con treni cancellati, corse dirottate, ritardi epocali. Ora la Corte di Appello di Milano ha aperto alla possibilità di una class action, ammettendo il ricorso presentato da Altroconsumo supportato da circa diecimila pendolari che hanno fatto la preiscrizione all’azione legale contro l’azienda di trasporto lombarda.
[...]
“Adesso pubblicheremo sulla stampa l’annuncio di class action – spiega Paolo Martinello, presidente di Altroconsumo –  poi ci saranno 120 giorni per aderire alla richiesta di risarcimento danni, che abbiamo stimato in quattro mensilità”.
[...]
“Abbiamo già circa diecimila pre-iscritti alla class action – spiega ancora Martinello – ma gli abbonati sono circa 80 mila. Sa poi a questi aggiungiamo anche i viaggiatori occasionai, possiamo stimare una cifra intorno ai 200 mila pendolari”.
[...]
Volendo fare una media e tenendoci bassi, è possibile ipotizzare un costo di 70 euro da abbonamento (ce ne sono da 50 euro fino a 100 circa, a seconda della tratta scelta), e fare i conti non è poi così difficile: 70 x 10.000 fa 700 mila euro di danni, ma se saliamo a 70 mila pendolari arriviamo a quasi 5 milioni di risarcimento per i pendolari.

Pare quindi che, finalmente, chi ha sbagliato pagherà.


9 commenti:

  1. ImpiegataSclerata8 maggio 2014 08:42

    Allora adesso aspetto Frenitalia (la F invece delle T è voluto),come al solito, in tutti i sensi...

    RispondiElimina
  2. Trenord pagherà? Tsè, 'sta cippa. Ci sono quelli di sega nord dietro; quelli sono specializzati nel NON pagare i danni.

    RispondiElimina
  3. Son sempre risarcimenti irrisori rispetto al disagio creato...

    RispondiElimina
  4. Ma che bello, qualcuno peggio di trenita(g)lia... tanto non pagheranno mai, stanne pur certa.

    RispondiElimina
  5. L'hanno voluta la gestione autonoma? E mo' se la tengano! Sono caduti dalla padella (cioè trenitalia) alla brace (cioè trenord). Che poi, un esborso di cinque milioni a ditte di quel genere fa l'effetto di dieci euro a ciascuno di quei pendolari.

    RispondiElimina
  6. c'hanno un bel da fare la "classexion"... i soldi col telescopio astronomico li vedranno.

    RispondiElimina
  7. Speriamo... ma questo è il paese dei furbi

    RispondiElimina
  8. @Impiegata: sono curiosa anch'io di vedere se succede qualcosa
    @Blamp, @Zeno, @Rospone, @Ernest: anch'io ho parecchi dubbi sul fatto che i pendolari vedranno mai un centesimo, però poter almeno provarci mi pare un passo avanti rispetto a prima
    @Giulio: piuttosto che niente è meglio piuttosto
    @Bumblebum: Trenord è stata una società autonoma rispetto a Trenitalia, anni fa si chiamava Ferrovie Nord Milano

    RispondiElimina
  9. Moretti dovrebbe contibuire....

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.