mercoledì 19 novembre 2014

TIR art

Ogni giorno qui arrivano una ventina di camion, chi per scaricare, chi per caricare.
La fantasia, e il cattivo gusto, degli autisti riguardo la "decorazione" della cabina dei propri automezzi è notevole: c'è chi ha dei disegni (si va da Padre Pio a improbabili guerriere seminude, per tacer dei delfini volanti) che ricoprono totalmente l'esterno dell'abitacolo; chi ama follemente le tendine con le nappine e le esibisce sul davanti (tipo mantovana) e ai lati dei finestrini (tipo cucina di chalet svizzero); chi espone cartelli (a led luminosi) con il proprio nome/nickname e/o quello della morosa e/o dei figli, intervallati da cuoricini lampeggianti.
Tutta roba costosa.
Quelli che vogliono risparmiare appendono all'interno pupazzetti, strisce con su i colori e i nomi delle amate squadre di calcio e cazzilli vari.
Ieri, sul piazzale c'era questo:


Quando l'ho visto, non sapevo se ridere o piangere.
Un collega ha interrogato l'autista in merito, risposta: Pepè songh'io!
Ah, be', allora...

4 commenti:

  1. ImpiegataSclerata19 novembre 2014 08:20

    Beh... Sobrio...
    Ce ne sono certi che che hanno tante di quelle lucine a led che possono fare concorrenza agli effetti speciali utilizzati in Incontri ravvicinati del terzo tipo. Se non altro sono utilissimi in caso di nebbia.

    RispondiElimina
  2. Iih che vuoi che sia... Qua gira uno con un crocefisso enorme a LED tipo croce delle farmacie + varie altre scritte a led, bandierine e tende, padre pio aerografato sul davanti...

    RispondiElimina
  3. ah ah meraviglioso poteva essere anche il clacson!

    RispondiElimina
  4. @Impiegata: sono un incubo, sembra di incrociare alberi di natale vaganti
    @Verzasoft: il crocefisso a led mi mancava
    @Ernest: io ho pensato alla puzzola dei cartoni animati, quella che si innamora sempre di una povera gatta e si chiama Pepè le Pew

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.