venerdì 28 novembre 2014

Azzie e Oscar

Ho appena finito di leggere "Doctor Sleep", di Sthepen King, che è il sequel di Shining.
Uno dei personaggi è un gatto chiamto Azzie, che vive in una casa di riposo ed ha la caratteristica di sapere in anticipo quando uno degli anziani ospiti morirà.
Qualche ora prima del decesso, Azzie entra nella camera del/la vecchietto/a (se la porta è chiusa, si siede fuori e miagola sin che qualcuno non gli apre), salta sul letto e gli/le si mette vicino, facendo le fusa. Per il resto è un gatto come tutti gli altri: gironzola, pisola in posti comodi e gioca con chi gli dà un po' di attenzione.

Questa cosa del gatto ha risvegliato qualcosa nella mia memoria e, cercando in Rete, ho (ri)trovato la storia (vera) di Oscar, che fa praticamente lo stesso nell'ospedale Steere House, di Providence negli Stati Uniti.

Voto libro: 9,5 su 10 (il King prima maniera è tornato!).
Download qui 

.

3 commenti:

  1. ImpiegataSclerata30 novembre 2014 08:59

    E ci credo che il puccioso Oscar non se lo è portato a casa nessuno pr averne l'esclusiva e continua ad essere un "gatto di tutti". Aehm..

    RispondiElimina
  2. @Giulio: ehm, abbastanza
    @Impiegata: in effetti, ha un suo perché

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.