martedì 3 marzo 2015

Fix It Again, Tony

Nel novembre 2014, tentando di fare i "simpatici", quelli di Fiat Usa hanno realizzato una pubblicità scherzando sulla vecchia nomea "Fix It Again, Tony" (aggiustala ancora una volta, Tony) che per anni è stato acronimo storpiato e pesante fardello sulle spalle del marchio negli Stati Uniti.
Nel video, il proprietario di una Honda Civic con lo specchietto rotto va dal suo meccanico di origine italiana (Tony, per l'appunto) chiedendo di ripararla ("fix it"). Una richiesta solo apparentemente elementare, perché non c'è accordo su cosa si intenda per "sistemare" quell'auto: se l'automobilista si aspetta una semplice sostituzione dello specchio, i meccanici che lavorano con Tony (italiani come lui, nemmeno a dirlo...) si concentrano su tutt'altro: la povera Civic, agli occhi dei due, appare del tutto priva di gusto e stile. E così, assentandosi per "ripararla", si ripresentano con una nuova 500X.

Però la pubblicità non è bastata: nell’ultima classifica “J.D. Power” sull’affidabilità, la Fiat è arrivata ultima con 273 problemi segnalati per 100 automobili. La media del settore era a 147 problemi. Lexus ha vinto con 89.

L'omino col golfino non sarà contento.


Aggiungo anche questa vignetta, che non c'entra niente con le auto, ma mi piace troppo:

7 commenti:

  1. Macchine prodotte da operai trattati umanamente=affidabilità elevata (vedi Lexus)
    Macchine prodotte da schiavi mal pagati e privati di ogni diritto grazie anche alla complicità del Bomba=cessi
    L'equazione mi sembra chiara. Se Peugeot o Volkswagen volessero fare un'OPA per la parte italiana di Fiat, magari ne risolleverebbero le sorti - purché si impegnassero a trattare gli operai italiani come i loro.

    RispondiElimina
  2. Fiat è diventata Chrisler - e si capisce bene perché Chrisler stava andando in bancarotta prima che Minkionne la risollevasse coi soldi dei contribuenti italiani. Nel nostro circolo di amici abbiamo stabilito che Chrisler è una bestemmia abbreviata: starebbe per "Cristo Lercio" (e vabbe', con un'H in più, che comunque non si pronuncia...).

    RispondiElimina
  3. Meglio "Fuck It Again, Tony".

    RispondiElimina
  4. Dopo aver provato la Lancia tanti anni fa, ho detto: mai più FIAT! Purtroppo sono auto che hanno troppo spesso mille problemi

    RispondiElimina
  5. l'omino col golfino parente di quello che è al governo oggi ha detto di fregarsene delle critiche.. intanto lui guarda il conto in banca. Suo.

    RispondiElimina
  6. ImpiegataSclerata3 marzo 2015 22:17

    Se penso a tutti i soldi della collettività buttati in quel buco nero che è la Fiat, al continuo voltafaccia del maglionato e pure a renzi che si mette pure a difendelo prendendoci ulteriormente per il c..o... No è meglio se non ci penso, vorrei riuscire a dormire questa notte.
    Uhmmm... Come vorrei che certi maglioni di cashmere fossero soggetti ad autocombustione.

    RispondiElimina
  7. @Zan: credo che lavorare male sia insito nel dna di Fiat, basta vedere cosa hanno combinato gli Agnelli nei primi del Novecento
    @Pombas: bella "Cristo Lercio"
    @Erno: mah... fuck chi? cosa?
    @Giulio: devo essere stata fortunata, mai avuto un problema con le Fiat e ne ho passate quattro (126, 2 127, Uno)
    @Ernest: con un tale conto in banca, può fare/dire quel che vuole
    @Impiegata: meglio non pensarci, ci si fa il sangue amaro senza risolvere niente

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.