lunedì 4 maggio 2015

Pensa fuori dagli schemi

In una notte temporalesca passi davanti ad una fermata dell'autobus e vedi tre persone in attesa per il bus:
1. una vecchia signora che sembra stia per morire
2. un vecchio amico che una volta ti ha salvato la vita
3. l'uomo o la donna che hai sempre sognato.

A chi scegli di offrire un passaggio, sapendo che puoi caricare solo un passeggero in auto?

Rifletti prima di rispondere. Questo è un dilemma morale/etico che un tempo era effettivamente utilizzato come parte di una domanda di lavoro.

Il candidato che è stato assunto (su 200 candidati) ha  così risposto: "Io darei le chiavi della macchina al mio vecchio amico per fargli portare la vecchia signora in ospedale e resterei ad aspettare l'autobus con l'uomo o la donna dei miei sogni.".
vai con il mouse sopra l'immagine per sapere la miglior soluzione



9 commenti:

  1. Butta via quella Smart e prenditi un'auto normale, così li carichi tutti e tre.

    RispondiElimina
  2. C'è qualche ragione particolare (al di là della soluzione proposta nel "palloncino" a commento dell'immagine) per cui NON puoi caricare più di un passeggero? Cos'hai, un'Ape Piaggio, una Smart, un camioncino da lavoro? Il 90% delle autovetture propriamente dette che circolano in giro sono almeno omologate per quattro, quindi un quiz di questo genere otterrebbe come risposta "Presupposto sbagliato: io carico tutti e tre". Chi s'inventa 'ste boiate di quiz come selezione per le domande di lavoro farebbe davvero meglio a cambiare il proprio, di lavoro.

    RispondiElimina
  3. Devo ammettere che non ci avrei mai pensato... Semplice ma geniale!

    RispondiElimina
  4. ImpiegataSclerata4 maggio 2015 12:06

    Darei un passaggio a 1. una vecchia signora che sembra stia per morire, dopo aver salutato calorosamente e invitato a pranzo/cena 2. un vecchio amico che una volta ti ha salvato la vita e aver lasciato un qualche recapito a 3. l'uomo o la donna che hai sempre sognato.

    RispondiElimina
  5. Questo quesito va bene come giochino fine a sé stesso; come requisito per un'assunzione in un posto di lavoro, dove etica e morale sono state sfrattate in nome del "produrreprodurreprodurre", è una tremenda boiata. Mi fossi trovato di fronte a un quesito del genere, avrei lasciato lì il foglio, avrei detto dritto in faccia all'esaminatore "Questo non è il posto di lavoro che fa per me", e me ne sarei andato a fare domanda da altre parti, dove, se non altro, non indulgono in simili esempi di ipocrisia galoppante.

    RispondiElimina
  6. Parcheggio la macchina.
    Scendo e aiuto la vecchietta a salire; saluto calorosamente il vecchio amico che mi ha salvato la vita e infine scendo alla fermata con la donna della mia vita.
    Ho vinto qualchecosa???? :-)

    RispondiElimina
  7. ahhh le domande dei colloqui...

    RispondiElimina
  8. @Karkuy: all'epoca in cui era in uso questa domanda, le Smart non esistevano
    @Miller: ehi, è una roba ipotetica, mica vera, non ti arrabbiare
    @Giulio: si chiama pensiero laterale
    @Impiegata: bella risposta anche la tua, però rischi di perdere l'amore della tua vita, che ne sai se ti richiama?
    @Ostro: oggi è un giochino fine a sé stesso, tempo fa era una sorta di test reale; padrone di andare dove vuoi, però l'ipocrisia non c'entra niente, è semplicemente una maniera di vedere come risolvi i problemi
    @Ruben: no, perché, intanto, la vecchietta è morta
    @Ernest: dallo stile, questa mi pare americana
    @Marisa: :-))

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.