martedì 12 maggio 2015

Sempre l'Inps

L'Inps, non pago di aver cambiato la legge "opzione donna" aumentando, con una propria circolare, di un anno e 4 mesi la data di accesso alla pensione, a dicembre 2014 ha emanato una seconda bella circolare, dove, con la scusa di chiedere un parere al Ministero del lavoro, ha di fatto bloccato le domande di pensione. 
Pardon, messe in in stand by.
Tradotto: invece di dirti no quando chiedi la pensione, vieni parcheggiata in un limbo indefinito.
L'effetto pratico è il seguente: non hai il rifiuto, senza rifiuto non puoi fare ricorso on-line, senza silenzio-rigetto del ricorso on-line non puoi portare l'Inps in tribunale.
Geniale, eh?
Con un bel comunicato sono state stoppate circa 6.000 cause, ché questo è il numero delle donne tagliate fuori dalla prima circolare.
Sì, certo, prima o poi qualcuna li porterà in tribunale per mancata risposta, ma quando? E, soprattutto, in quante saranno disposte a spendere in avvocati sapendo che, molto probabilmente, sarà solo la prima di una serie di cause?

Che stiano prendendo tempo è evidente dalla risposta fornita il 15.04.2015 dal ministro Poletti nella question time, in Parlamento, dove gli si chiedevano, appunto, notizie di opzione donna.
Le sue parole sono state: ”L’ INPS sta raccogliendo le domande e sta monitorando la situazione che di fatto si sta producendo, nella volontà di affrontare questo tema e verificare SE, a fronte delle domande che vengono presentate, si possano produrre le condizioni per risolvere questo nodo, che, come è noto, è pendente da un po’ di tempo”.
Il maiuscolo al "SE" ce l'ho messo io, in quanto mi pare la parola più importante che ha detto.

Io, che chiulo, eh?, avendo fatto domanda prima dello stand by, ho già avuto il rifiuto e il silenzio-rigetto.
Quindi, a febbraio, ho dato mandato all'avvocato ed è stata già stabilita la data dell'udienza, pertanto fra meno di un mese l'Inps dovrà comparire davanti alla giudice del lavoro per spiegare a lei (e a me) com'è che un ente si permette di modificare una legge dello Stato.




6 commenti:

  1. INPS=Io Non Pago Subito (con l'aggiunta alla sigla EPM=E Possibilmente Mai).

    RispondiElimina
  2. ImpiegataSclerata12 maggio 2015 11:58

    Fatta la legge trovato l'inganno. Qui han trovato l'inganno e il contro inganno con riporto.

    RispondiElimina
  3. Io preferisco nemmeno pensarci ancora che con 29 anni di contributi sono un giovincello...

    RispondiElimina
  4. Perchè lo Stato gli ha ordinato di fare tabula rasa.
    A me stanno levando 2€ al mese e a mio marito 10€ rispetto allo scorso anno.
    A questo punto non rimane che un unica strada, mettere la LOUISETTE davanti al parlamento e alle sedi INPS e passare a vie di fatto.
    Le loro prebende sono intoccabili, noi pensionati siamo il loro bancomat e voi che pensavate di andare a fare il meritato riposo ... con il binocolo se basta.
    Buona fortuna Dalle e in culo alla balena, spero tu la sfanghi e non solo tu.
    Buona giornata Bella ;-))
    Tina

    RispondiElimina
  5. @Zandur: azz!!!
    @Impiegata: proprio
    @Ruben: dipendesse da me... e invece sarà una giudice a decidere
    @Giulio: pargolo, direi
    @Tina: la Louisette no, però qualcosa bisogna fare

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.