mercoledì 18 giugno 2014

Beata gioventù

Barbara, Eleonora e Luigi Berlusconi, figli del silvio, sono (erano?) proprietari del 40% di Prezzofelice.it, un facsimile di Groupon.
Che adesso ha chiuso i battenti lasciando, pare, clienti e fornitori con un pugno di mosche.
La colpa, secondo i figli del silvio (e gli altri soci), è dell'ex amministratore delegato, cattivone!, che non gli ha mai detto che le cose andavano male.
Però, già a maggio 2013 Altroconsumo aveva denunciato all'Antitrust Prezzofelice.it, in quanto le offerte erano disponibili solo per pochi secondi, dopodiché si potevano acquistare solo prodotti inferiori, a un prezzo neanche tanto vantaggioso.
Anche le recensioni passate degli utenti sul Web di Prezzofelice.it sono state spesso negative.
Ne consegue che Barbara, Eleonora e Luigi non erano proprio sul pezzo.
Cari figliuoli, il babbo non ve l'ha detto che l'occhio del padrone ingrassa il cavallo?


5 commenti:

  1. ImpiegataSclerata18 giugno 2014 08:31

    Probabilmente hanno assimilato troppo il modus operandi di papino e la sua convinzione di "tutto concesso" "è sempre colpa degli altri non è mai mia" ecc.?

    RispondiElimina
  2. Bambocci viziati figli di papà (anzi, di papi), totalmente incapaci a gestire aziende di qualsivoglia genere, addirittura totalmente incapaci di mettere in piedi una truffa efficace che papi avrebbe saputo invece organizzare a puntino. Poi ci si chiede perché papi non voglia lasciare loro in mano alcuna attività, legale o illegale che sia. Non basta il nome: ci vanno le palle, per entrambi i tipi di attività, e la prole del caimano è gravemente deficitaria da quel punto di vista.

    RispondiElimina
  3. Ah ah ah, la scajolite colpisce anche i baby berluski: l'amministratore delegato che amministrava la ditta a loro insaputa, bla bla bla. Questo unito a un classico atteggiamento del berlusko senior, secondo cui non è mai colpa sua. A questo punto, il mio augurio è davvero che papi molli tutte le sue aziende ai figli: così finalmente avrà qualcuno che lo butta giù definitivamente e non potrà dar la colpa ai giudici "comunisti".

    RispondiElimina
  4. Non deve proprio averglielo detto.
    Me la levi una curiosità?
    Che diavolo è "Prezzo felice"?

    Buona giornata Dalle ;-))
    Tina

    RispondiElimina
  5. @Impiegata: ce l'hanno nel sangue
    @Toxok: concordo
    @Schells: sin che avrà vita, non gli mollerà niente, conosce i suoi polli
    @Tina: è, anzi era un sito dove potevi comprare "offerte speciali", ma proposte per un tempo breve

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.