lunedì 26 ottobre 2015

Pretese

C'è un (ex) cliente che non compra da tre anni, ma ogni sei mesi manda una richiesta di offerta per una dozzina di prodotti.
Le prime due volte, ho risposto.
In cambio ho avuto silenzio assoluto, non mi aspettavo un "no, grazie", ma almeno la conferma ricezione dell'e-mail sì. Niente, neanche quella.
Dato che preparare l'offerta è una roba lunga perché bisogna compilare un sacco di moduli, questionari e allegare un mare di carta aggiuntiva, da un bel tot lo ignoro, anche perché ho saputo che tempo fa sono stati comprati da una multinazione che tratta (anche) gli stessi prodotti che, in teoria, dovremmo vendergli. Quindi, è ovvio che comprano dalla casa madre, mica da noi.
L'altro giorno mi ha telefonato un tizio che si è qualificato come l'ing. Pinco Palla del (ex) cliente.
Ha voluto sapere perché non rispondiamo alle loro richieste.
Perché son tre anni che non comprate, ho detto.
Ah, il fatto è che avete prezzi troppo alti, mi ha spiegato.
Ma dài, ho pensato, e io che mi credevo vi stavamo antipatici.
E' che, per procedure interne, abbiamo bisogno di un minimo di due offerte, ha continuato lui.
Mi spiace tanto, di offerte non ne faremo più, ho replicato.
E perché mai?, ha voluto sapere lui.
Perché farvi un'offerta comporta un lavoro di mezza giornata, e non possiamo sprecare ogni volta così tanto tempo per niente, ho risposto.
Ma noi dobbiamo avere una vostra offerta per confrontarla con l'altra! altrimenti il sistema ci obbliga a un iter complicato, ha esclamato lui.
Ho confermato: mi spiace, ma non vi faremo più offerte.
Al che lui ha mugugnato un qualcosa e poi ha riattaccato.
Cioè, fammi capire, per non evitare complicazioni a te, me le prendo io, aggratis?


6 commenti:

  1. ImpiegataSclerata26 ottobre 2015 08:24

    Certa gente proprio non si rende conto.

    RispondiElimina
  2. Cioè, il senso del discorso è "ti chiedo l'offerta per salvarmi il culo ma tanto poi non comprerò niente da te"? Puah. Sei stata troppo gentile a rispondergli le prime due volte.

    RispondiElimina
  3. 'sic transit gloria mundi' dicevano sai qual'è il miglior modo di portare lo zaino in montagna ? farlo portare ad un altro ;o)
    f.

    RispondiElimina
  4. Mah, io gli avrei piuttosto detto che se proprio gli serviva non c'era nessun problema a presentargli un'offerta. 1.000 euro e gliela mandavi il giorno stesso :-)

    RispondiElimina
  5. C'è qualcosa che non mi torna: per comprare roba DALLA CASA MADRE con una semplice partita di giro nei bilanci sono obbligati a chiedere ANCHE ALTRE OFFERTE? Ero convinto che le procedure per gli acquisti negli enti pubblici fossero inutilmente complicate, ma a quanto pare i privati riescono ad essere ancora più bizantini.

    RispondiElimina
  6. @Impiegata: o si rende conto benissimo e ci prova
    @Danus: rispondere ai clienti è il mio lavoro, devo farlo a meno di valide ragioni
    @F.: vista la mia pigrizia il problema non si pone, in montagna non ci vado proprio :-D
    @Giulio: seeeee, questi non cacciano un soldo manco se li torturi
    @Ignatz: sì, i privati grossi sono peggio degli enti pubblici

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.