martedì 18 febbraio 2014

Prevenzione sanitaria

Ho già scritto della prevenzione di massa fatta con la mammografia e degli studi che ne mettono in dubbio l'efficacia.
Adesso ne è uscito un altro, e dice lo stesso: l’indagine condotta a tappeto su persone fra i 40 e i 59 anni, non riduce la mortalità per tumore al seno, come ci si aspettava, se confrontato con la palpazione.
Non solo: porterebbe a sovrastimare i casi e spingerebbe a cure non necessarie. «Almeno per una donna su cinque - ha detto Anthony Miller della University of Toronto, il principale autore dello studio - la diagnosi di tumore, che risulta dalla mammografia, è sbagliata».
[...]
alcuni Paesi, come la Svizzera, non promuovono più programmi di questo tipo, proprio perché non sembrano incidere sulla sopravvivenza e portano a trattamenti non solo inutili, ma dannosi per gli effetti collaterali che comportano.

E sin qui, (quasi) niente di nuovo.
Quel che mi ha sorpreso è stato leggere nell'articolo che un altro screening di massa è già stato sospeso in quanto "inutile", quello del cancro alla prostata, eseguito con il controllo del valore del PSA..
Breve ricerca col fido Google per saperne di più e ho scoperto che la sospensione risale al 2010, ed è stata decisa per gli stessi motivi della mammografia: l’esame comporta un eccesso di diagnosi, a cui segue spesso un eccesso di trattamenti (inutili e dannosi, aggiungo io).

Ora perché la mammografia sì e il PSA no?
Credo sia perché la mammografia si fa con macchinari specifici, che costano e vanno ammortizzati.
Il PSA invece è un esame del sangue fatto normalmente in laboratorio.
Inoltre i prezzi, in privato, variano notevolmente: PSA intorno ai 22 €, mammografia dai 50 € ai 170 €, dipende da dove si fa.
Fatte le debite proporzioni, anche il SSN pagherà la sua bella differenza tra l'uno e l'altra.

Insomma, mi vien da dire che è sempre questione di quanto ci guadagna il "fornitore".


5 commenti:

  1. ImpiegataSclerata18 febbraio 2014 13:16

    Poi vogliamo mettere che, se non ricordo male, quando fai la mammografia quasi mai ti mettono il collare di piombo che servirebbe a preservare il benessere della tiroide?

    RispondiElimina
  2. E ti vien da dire bene, aggiungo che di colui che ne fa uso non importa a nessuno

    RispondiElimina
  3. @Impiegata: questa cosa del collare non la sapevo
    @Ernest: eh, purtroppo sì

    RispondiElimina
  4. ImpiegataSclerata19 febbraio 2014 08:19

    @dalle: quella del collare è dibattuta, c'è chi dice che ci vuole chi no perchè le radiazioni sono basse. Sarà, ma dai una volta dai due ecc. se ti friggi la tiroide son cavoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli che dicono che non serve perché le radiazioni son basse vorrei vedere se dovessero farla loro, rischiando di friggersi la tiroide.

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.