martedì 18 marzo 2014

A.I.

Tradotto, spannometricamente, dal sito http://eterni.me/:
Noi tutti moriamo prima o poi, lasciando solo qualche ricordo per la famiglia, gli amici e la gente.
E alla fine siamo tutti dimenticati.
Ma cosa succede se si potesse essere ricordati per sempre ?
Se tutti gli eventi importanti, avventure e pensieri della tua vita fossero accessibili alle generazioni future, che non ti hanno mai incontrato davvero?
Una prova vivente di te.
E se, di più, si potesse davvero interagire con i ricordi, come se gli altri parlasssero con te di persona ?
Basta diventare immortale.
Eterni.me raccoglie quasi tutto ciò che si crea durante la tua vita, ed elabora questa enorme quantità di informazioni utilizzando algoritmi di intelligenza artificiale complessi .
Poi genera un TU virtuale, un avatar che emula la tua personalità e può interagire e offrire informazioni e consigli per la tua famiglia e gli amici, anche dopo che tu non ci sei più.
Una prima versione sperimentale del software uscirà a fine 2015, mentre il lancio vero e proprio dovrebbe arrivare l’anno successivo.

Per dirla in francese: a me mi pare 'na strunzata.

Restando in tema: domenica ho visto il film "Lei" che tratta, anch'esso, di intelligenza artificiale.
Dati i premi che ha vinto, mi aspettavo una roba non dico splendida, ma almeno gradevole.
E invece, IMHO, vale quanto detto da Fantozzi riguardo "La corazzata Potëmkin".
Per chi vuol farsi del male, download qui.

9 commenti:

  1. 'Sta puttanata (notare: anch'io ho studiato a Grenoble...) l'hanno presa papale papale da un vecchio film di fantascienza - ma non mi ricordo il titolo: anche quel film era la corazzata Potëmkin di Fantozzi... Film da Oscar, proprio come "Lei".

    RispondiElimina
  2. Fico! Così potrò sparare cazzate e rompere i coglioni a qualcuno anche da morto :-D

    RispondiElimina
  3. non mi voglio fare del male... ci manca solo l avatar!

    RispondiElimina
  4. Beh, non è che sia proprio una cattiva idea.
    Spesso si scoprono talenti e persone eccezionali solo dopo la loro morte. In questo modo almeno si potranno accogliere anche i loro pensieri e rimpiangere di non averlo scoperto prima

    RispondiElimina
  5. ImpiegataSclerata18 marzo 2014 12:33

    Il Eterni.me è il sogno di tutte quelle suocere assatanate che vogliono continuare a tormentare le nuore anche dall'aldilà?

    RispondiElimina
  6. Vi presentiamo un nuovo episodio della serie "La tecnologia brucia i neuroni", in anteprima mondiale. Dopo "Fottiamoci il buon senso con i socialcagaloni", "Ammazziamo la vita sociale con gli smortofoni", ecco a voi "Mandiamo a fanculo i valori sociali con una simulazione malfatta di un morto".

    RispondiElimina
  7. @Rabus: ah, ecco perché avevo un senso di déjà vu
    @Giulio: sissì, lo scopo finale è quello ;-)
    @Ernest: appunto
    @Daniele: meglio un rimorso che un rimpianto
    @Impiegata: no, la "consultazione" post mortem è optional
    @Yannis: veh, che pessimismo, don't worry, be happy!

    RispondiElimina
  8. @ Rabus

    Era un episodio della serie Star Trek, la virtuale era una donna che era stata a capo di un pianetino andato a puttane durante la guerra con Glingon...azz che memoria che mi ritrovo, ;-))

    E si Dalle, il progetto Post-umano" partorito nei laboratori di psicologia sociale con l'aiuto dei bioingegnieri del politecnico di Torino sta mostrando quanti soldi si possono bruciare sull'altare della ricerca che non serve a nessuno.

    Buon pomeriggio Dalle ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza contare i soldi buttati da un mare di gente con gli psicologi, i counseling e compagnia bella.

      Azz, hai davvero una memoria fenomenale!

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.