venerdì 7 marzo 2014

In apparenza...

Con gran clamore è stata annunciata la multa comminata dall'Antitrust a Roche e Novartis: 180 milioni di euro (per la precisione 182,5: 90,5 a la Roche, 92 a Novartis), per essersi accordate nello spingere la vendita di un farmaco costoso rispetto ad un uno più economico.
Il danno, nel 2012, per il nostro SSN è stato quantificato in 45 milioni di euro.

Uno dice: apperò, han pagato quattro volte quel che hanno incassato.
E sembra una giusta punizione affinché non lo facciano più.
Ora, a parte che non si sa il costo maggiore sostenuto dal SSN per il 2013, i numeri da guardare sono altri, cioè:
- utile Roche 2013 = 9,32 miliardi di euro
- utile Novartis 2013 = 7,94 miliardi di euro ($ 10,9 miliardi)
dopodiché si calcola la proporzione utile/multa:
- Roche 0,972%
- Novartis 1,153%
e si rapporta il tutto a uno stipendio annuale di 19.500 € netti (1.500 € x 13 mensilità) di due signori qualunque.
Il risultato è il seguente:
- Tizio 19.500 x 0,972% = 189,54 €
- Caio 19.500 x 1,153% = 224,83 €

A questo punto i 180 milioni di multa non sembrano più una roba micidiale, ma appaiono per quel che sono: pinzillacchere.

Last but not least, ci si domanda che cacchio fritto faccia/abbia fatto l'Aifa, che in teoria dovrebbe vigilare ma, in questo caso, cade dal pero.


10 commenti:

  1. Giri il dito in un'annosa piaga. E' ovvio che per massacrare davvero le grosse case farmaceutiche bisognerebbe infliggere loro multe almeno a dieci cifre; centoottanta milioni? Pfui, noccioline. E per ripagarsi loro che fanno? Ti aumentano di qualche euro il prezzo di vendita di farmaci stravenduti - per esempio, entrambi i marchi producono quintalate di farmaci all'ibuprofene per il mal di testa, circa 7 euro a confezione: da domani, taaaaac, 8 euro e via che ci rifacciamo della multa. Nessuno, però, avrà mai le palle per infliggere loro sanzioni miliardarie: troppi interessi in ballo, troppe mani in past(icc)a.

    RispondiElimina
  2. La prima cosa che ho pensato: multa ridicola rispetto agli utili che sfornano questi colossi.

    RispondiElimina
  3. e in più aggiungo che sicuramente non pagheranno niente! Chissà quanti altri casi come questi rimasti nell'ombra...

    RispondiElimina
  4. A Tizio e Caio le rispettive multe peserebbero molto di più rispetto di quanto pesino quelle inflitte alle due società farmaceutiche. Tizio e Caio devono fare i conti col fatto che lo stipendio lo prendono in "comode rate mensili", mentre le aziende caricherebbero le multe sul bilancio annuale, assieme a un congruo aumento del prezzo di vendita di tutti gli altri farmaci. L'antitrust avrebbe dovuto accompagnare le sanzioni al divieto assoluto di vendere il farmaco più costoso e al blocco totale dei prezzi degli altri farmaci; solo così riuscirebbe a dare davvero una lezione a quei mangiasoldi a ufo.

    RispondiElimina
  5. ImpiegataSclerata7 marzo 2014 20:38

    E noi paghiamo. Due volte. Le medicine più care e pure l'Aifa.

    RispondiElimina
  6. La multa è solo un pizzicotto sulla guancia, il resto sarà da demolizione delle due holding.

    Guariniello ha avviato una indagine e quando scende in campo lui sono cazzi acidi, vedi Tisen end company, la cosa più oscena è nella composizione del farmaco per la maculopatia, quello da 900 € contiene gli stessi principi attivi di quello che costa 90€.
    Guarieniello è partito da questo punto, truffa ai danni delle asl, ma truffa ai danni dei pazienti e ... spero li demolisca a dovere.

    Buon inizio settimana Dalle ;-))

    RispondiElimina
  7. @Uchis: credo anch'io che nessuno mai li punirà davvero
    @Giulio: stesso pensiero mio
    @Ernest: probabile
    @Merwuy: come dice Uchis, nessuno ha le palle, o la convenienza, aggiungo io, di farlo
    @Redcats: incredibile
    @Impiegata: ecco, questa cosa dell'Aifa vorrei che qualcuno me la spiegasse per bene
    @Tina: speriamo

    RispondiElimina
  8. ImpiegataSclerata10 marzo 2014 21:28

    Parrebbe che la Roche abbia fatto ricorso al TAR contro la sentenza perchè lederebbe la loro immagine pubblica/gli fa pubblicità negativa mentre loro si sarebbero sempre comportati con trasparenza e correttezza. Fra tot anni l'ardua sentenza, che non si sa mai come vanno a finire le cose, neanche quando c'è l'evidenza più evidente, nano da giardino docet vista la percentuale di condanne a confronto della gran quantità di guai giudiziari affrontati/accumulati in (ormai ben) 30 anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poverini, gli han fatto fare brutta figura! Che cattivoni quelli dell'Antitrust, adesso vedrai che ci sarà un giudice, buono, che li aiuterà.

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.