mercoledì 11 aprile 2012

Chiuso DPL Modena

DPL (Direzione Provinciale del Lavoro) di Modena aveva un sito che, da quando nel 2001 era andato on-line, è stato visitato da circa 18 milioni di persone, persone in cerca di informazioni e normative riguardanti il lavoro.
DPL Modena era sempre preciso, puntuale e gratis.
Questo deve aver dato mooolto fastidio a qualcuno tant'è che ha dovuto chiudere in quanto «Il Segretario generale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con una nota del 5 aprile 2012, indirizzata anche alla DTL di Modena, ha stabilito che:
"al fine di garantire una rappresentazione uniforme delle informazioni istituzionali e con riferimento agli obblighi di trasparenza ed ai profili di comunicazione e pubblicazione delle informazioni di interesse collettivo anche per quanto attiene agli Uffici territoriali, si chiede alle SS.LL. di provvedere alla immediata chiusura del sito internet www.dplmodena.it".»
Così nessuno sa più niente se non con la previa autorizzazione dei manovratori o pagando "chi se ne intende".
Complimentoni al signor Monti e alla signora Fornero, questo è un altro esempio di come questo governo considera noi cittadini: servi della gleba.

Edit ore 09:20
Dato il polverone che si è alzato sul Web, la signora Fornero dichiara che lei non ne sa niente della chiusura del sito, deve "informarsi".
Cioè la signora Fornero regge un ministero che fa cose a sua insaputa.
O, volendo pensar male, lei non c'era e se c'era dormiva.



9 commenti:

  1. tutti uguali... non se ne salva nessuno anche se piangono lacrime da coccodrillo!

    RispondiElimina
  2. Quindi, la piagnona "non sapeva". Ma cavoli, questa gente sa almeno se prende uno stipendio? Sulla vicenda complessiva, non bastano le autocensure? Solo su "Il Fatto" avevo letto un articolo, su "Repubblica" se ne parla solo in una lettera di un avvocato/lettore.

    RispondiElimina
  3. Venerdì mattina alle 8 era funzionante, poi ho aperto intorno alle 11 e ho visto che avevano chiuso il sito. Non puoi immaginare la mia disperazione! DPL Modena era la mia Bibbia, il mio copia incolla, la mia informazione quotidiana efficace e tempestiva.
    Spero che il polverone che si è sollevato serva a farlo riaprire al più presto, così mi sento persa.
    E come me, milioni di persone che si occupano di diritto del lavoro!

    RispondiElimina
  4. ma questi precisamente cosa sanno?!?!

    RispondiElimina
  5. ...e sta correndo ai ripari, ovvero, riaprire il sito.

    Mettici che stanno per smantellare la sua riforma del lavoro e stanno partendo gli scioperi contro la riforma delle pensioni...ha fatto splash con la giunta Castellani, sta facendo splash con il governo tecnico al quale va il mio grazie per aver mostrato cosa si diventa dopo aver frequentato la Bocconi...quelli che chiamo "cretini specializzati"...visti i risultati, li sfido a smentirmi, dovrebbero invertire i proveddimenti presi.

    Buona giornata Dalle ;-))

    RispondiElimina
  6. @Ruben: guarda, a me quella faccenda delle lacrime ha fatto venire il voltastomaco
    @Conte: sì, la vicenda sui media è passata quasi inosservata, sia mai che a fare i giornalisti si rischi di irritare il governo
    @Pyperita: dopo che tu me l'hai fatto conoscere, anche se di mestiere non mi occupo di diritto del lavoro, mi ero iscritta alla newsletter perché volevo essere informata
    @Ernest: sanno chiagnere e fottere
    @Tina: ho un esempio qui in azienda di quel che (non) si impara alla Bocconi

    RispondiElimina
  7. ImpiegataSclerata12 aprile 2012 10:33

    Gli regalano case a loro insaputa, gli ristrutturano casa a loro insaputa, i figli fanno gli arraffoni con i soldi pubblici a loro insaputa, chiudono siti a loro insaputa... Ma si ma si... Capita... Sono un po' distratti sti' politici, eh?

    RispondiElimina
  8. L'italia, una repubblica a sua insaputa.

    RispondiElimina
  9. Tutti a loro insaputa. In quanto insipienti.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.